A Mosca inaugurato monumento a Kalashnikov

Artyom Geodakyan/TASS
La statua, alta sette metri e mezzo, ritrae il progettista sovietico intento a imbracciare il potente fucile d’assalto

A Mosca spunta un nuovo monumento: il 19 settembre all’incrocio tra Oruzhejnyj pereulok e Ulitsa Dolgorukovskaya è stata inaugurata una statua dedicata a Mikhail Kalashnikov, il padre del tanto celebre quanto potente fucile d’assalto AK-47. Il monumento ritrae il militare e progettista sovietico intento a reggere in mano la sua creazione.

Realizzato nel 1947, questo fucile d’assalto è considerato il più diffuso al mondo.

Il monumento è alto sette metri e mezzo ed è stato realizzato dallo sculture Salavat Ahcherbakov, lo stesso che ha creato la statua di 26 metri dedicata al principe Vladimir, installata a pochi passi dalle mura del Cremlino.

Nato in Siberia, Mikhail Kalashnikov, che aveva cominciato la sua carriera come inventore autodidatta, assunse l'ambita posizione di Capo progettista delle armi leggere per l'Unione Sovietica.

È morto a 94 anni il 23 dicembre 2013.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale