La Russia facilita l’ottenimento di un lavoro part-time per gli studenti stranieri

Vasilij Smirnov/Global Look Press

Il presidente russo Vladimir Putin ha da poco firmato una legge che facilita l'accesso degli stranieri ai posti di lavoro per studenti. Lo riporta il sito ufficiale del Cremlino.

I cittadini stranieri residenti in Russia potranno ora trovare un’occupazione parallelamente al proprio percorso di studi, senza dover ottenere il permesso. I datori di lavoro, dal canto loro, non avranno più bisogno di un permesso specifico per assumere tali lavoratori.

Benefici concessi però a una sola condizione: gli interessati dovranno studiare in un istituto accreditato. Nel momento in cui il percorso di studi finisce (in anticipo, al momento della laurea o al termine dello scambio internazionale), anche il contratto professionale dovrà terminare.

Finora gli studenti stranieri potevano svolgere un'attività professionale solo all'interno delle organizzazioni, delle società e delle partnership create dall'istituto di formazione di cui facevano parte.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie