Le parole essenziali da sapere in russo

Aleksandr Kislov
Per comunicare in maniera semplice con la gente del posto è sufficiente una manciata di parole. Certo, non potrete intavolare grandi conversazioni, ma almeno potrete ringraziare e chiedere aiuto. Ecco le dieci parole russe più utili per le situazioni di tutti i giorni

1 Priviét (привет - ciao)

Iniziamo con una parola semplice: “privet” è un saluto informale, che può essere rivolto a un amico o a un conoscente della vostra stessa età o più giovane. 

Se desiderate un’espressione più formale, esiste “Zdravstvuyte” (salve), da utilizzare quando ci si rivolge a persone più grandi, con le quali si ha meno confidenza oppure nella corrispondenza ufficiale e di lavoro.

2 Spasìbo (спасибо - grazie)

Questa è la forma più semplice e tradizionale per esprimere gratitudine. La potete utilizzare in diversi contesti: quando il commesso di un negozio vi consegna la merce che avete acquistato, o quando qualcuno vi apre la porta e vi cede il passo.

La parola “spasibo” può essere preceduta dal termine “bolshoe”: in questo caso si ottiene “Bolshoe spasibo”, equivalente di “grazie mille”. 

3 Bystreye (быстрее - più veloce, sbrigati)

Ecco una parola davvero utile, da usare ad esempio se siete in ritardo e state correndo in taxi verso l’aeroporto, oppure se al ristorante tardano a portarvi il conto. Il tono e il contesto possono dare sfumature diverse a questa parola, e per non risultare scortesi è sempre meglio aggiungere pozhaluysta” (per favore).

Se invece desiderate dare maggior enfasi, allora la frase sarà “davay bystreye” (traducibile come “dai, sbrigati!”), da rivolgere a persone alle quali si da del “tu” (in alternativa potete usare “davayte bystreye”, “dai, si sbrighi!”). 

4 Tak (так - così, allora)

Si tratta di una parola quasi universale, che può essere utilizzata in decine di situazioni diverse: può essere sinonimo di “sì” e di “ok”, ma è molto diffusa anche quando si rimugina qualcosa a voce alta, in modo pensieroso. 

Se invece il tono è più brusco, indicherà che c’è qualcosa che non va. 

Può essere utilizzata anche per iniziare una conversazione (paragonabile alla parola “allora” in italiano), ma anche per chiedere spiegazioni su ciò che è accaduto successivamente.

5 Skòlko (сколько - quanto)

Questa parola vi servirà quando siete in procinto di pagare e volete chiedere quanto costa, e in generale per conoscere la quantità di qualcosa. Fate attenzione a pronunciare la lettera “l” in maniera molto dolce. 

6 Izvinìte / Prostìte (извините, простите - scusi)  

Entrambe queste parole si utilizzano per chiedere perdono. Non aspettatevi però alcuna risposta cortese: si tratta di una semplice formalità. 

Si possono usare quando si vuole rivolgere la parola a qualcuno, come a dire “scusi, posso disturbarla?” oppure se siete in metropolitana e qualcuno sta ostacolando l’uscita dal vagone. Ma va benissimo anche se siete al bar e volete attirare l’attenzione del barista per ordinare.

7 Mòzhno (можно - posso / è possibile)

Questa è una parola che può aprirvi molte porte e dare accesso a cose che non vi appartengono (letteralmente parlando). Anziché dire “posso prendere in prestito questa sedia?” potete semplicemente chiedere “mozhno?”. Si può utilizzare anche al ristorante: anziché dire “vorrei ordinare un’insalata” si può semplicemente dire al cameriere: “Mozhno salat?”.

8 Pomogìte (помогите - aiuto)

Se qualcosa va storto, affidatevi a questa parola: Pomogite! (aiuto!). Speriamo non dobbiate mai utilizzarla in situazioni di vera emergenza; può essere pronunciata anche in casi non gravi, semplicemente per chiedere aiuto a un amico o a un collega, ad esempio per spostare dei mobili pesanti.

9 Khoroshò (хорошо - bene)

Questo termine si usa per esprimere consenso (“bene”, “sì”). Volete ancora un po’ di caffè? “Khorosho!”. Come stai? “Khorosho”. 

10 Do svidaniya (до свидания - arrivederci)

In russo ci sono almeno una decina di formule per congedarsi. Si utilizzano in maniera diversa a seconda dell’interlocutore al quale ci si rivolge, ma “Do svidaniya” è quella più universale. 

BONUS: Dimenticate la frase “na zdorovie” durante i brindisi! 

Probabilmente avete sentito questa frase diverse volte, perché si tratta di un mito duro a morire. Ma fate attenzione: “na zdorovie” si utilizza spesso come “prego”, invece per i brindisi si dice “za zdorovie”!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie