Cinque motivi per andare a studiare all’Università Statale di Tjumen

Utmn
Non è solo una scelta esotica quella di trasferirsi in Siberia: la Utmn è un ateneo leader in vari settori dell’istruzione e vi aprirà molte porte nel mondo del lavoro

Tjumen, una delle più grandi città della Siberia, è terra di lavoratori del settore petrolifero, poeti, sportivi e ricercatori. Qui, in pieno centro, sorge un enorme quartiere universitario: 15 edifici e quattro dormitori che ospitano gli oltre 25 mila studenti che frequentano l’ateneo. Ma quali prospettive si aprono per i laureati della TjumGU, la Tjumenskij gosudarstvennyj universitet, Università Statale di Tjumen, nota anche con l’acronimo inglese di Utmn?

1. Potrai diventare coautore di ricerche scientifiche internazionali o fare carriera nel mondo del business

Fin dalla sua istituzione nei primi anni Trenta, l’università ha stabilito contatti con i principali atenei del Paese e ha anche iniziato a stabilire contatti internazionali. Gli indirizzi principali dell’attività didattica dell’università – biologia, scienze della terra, chimica, fisica e matematica – sono aree disciplinari in cui la collaborazione con colleghi di altri Paesi è indispensabile.

Ovviamente, al giorno d’oggi, all’Utmn vengono insegnate non solo le discipline tecniche e scientifiche. Ci sono corsi di materie umanistiche, di psicologia, diritto e finanza. Pertanto, l’università è diventata un punto di attrazione anche per un enorme numero di giovani provenienti dall’estero in cerca di sviluppo professionale e personale, oltre che desiderosi di provare a vivere in un altro Paese.

Ci sono laboratori scientifici in aree che vanno dalla fotonica alla geografia storica. Ci sono ben 6 dissertatsionnyj sovet (gli organi che valutano le tesi), programmi post-laurea, dottorato e post-dottorato, il che significa che è possibile ottenere qualsiasi titolo accademico.

L’attività scientifica alla Utmn inizia immediatamente dopo l’ammissione: sono infatti operative delle comunità scientifiche studentesche. “Alla Utmn sono stato attratto principalmente dall’opportunità per i giovani di condurre attività di ricerca. In Russia, gli studenti sono tenuti a partecipare a conferenze e pubblicare articoli, e questo infonde un senso di responsabilità in quello che stai facendo”, ha detto Julie Gerber, una studentessa francese di Lingua e Letteratura all’Università Statale di Tjumen.

Prendiamo ad esempio la sezione studentesca della Society of Petroleum Engineers (Spe). È un’associazione internazionale senza scopo di lucro composta da scienziati specializzati nella ricerca e nell’estrazione di petrolio e gas, con oltre 120 mila membri provenienti da 135 Paesi. Come vediamo sulla pagina Facebook della Spe presso l’Università Statale di Tjumen, sulla base di corsi e attività scientifiche si può diventare membri della società.

Dalla Utmn potrai poi entrare nel business del petrolio: i laureati sono assunti da società come Schlumberger, HMS Group, Novatek. Gazprom Neft. Quest’ultima è una delle più grandi compagnie petrolifere russe, e collabora in particolare con l’Università Statale di Tjumen. Ad esempio, sponsorizza un master in ingegneria concettuale dei giacimenti di petrolio e gas e sostiene la Scuola politecnica dell’Università. Per quanto riguarda gli studi umanistici, gli studenti possono affidarsi all'Oxford Russia Fund che lavora con la Utmn dal 2008 e ha rilasciato più di 90 borse di studio speciali, ciascuna della durata di 10 mesi.

E ancora, uno dei principali progetti ambientali e scientifici internazionali dell’Utmn è la partecipazione al PEEX (Pan-Eurasian Experiment) sullo studio dell’ecologia e del clima dell’Eurasia settentrionale. Nel quadro di questo progetto, gli scienziati dell’Università Statale di Tjumen stanno aiutando a stabilire una stazione per studiare il permafrost dello regione dello Jamal. Ma tutto questo è solo una piccola parte dell’attività scientifica dell’università.

2. Potrai imparare benissimo il russo

Gli studenti stranieri possono entrare in tutte le facoltà e dipartimenti dell’università. Alla Utmn, ci sono corsi tenuti in inglese, per esempio il Master in biologia Plant Biosecurity e alcuni corsi della School for Advanced Studies

Ma la maggior parte degli studenti stranieri entra in corsi tenuti in russo, assieme agli studenti locali. Gli studenti stranieri possono frequentare corsi intensivi di lingua russa presso uno speciale dipartimento preparatorio (il Foundation Program).

“Con i russi parlo solo in russo. A scuola l’avevo studiato, ma senza grossi successi. Ma non appena sono arrivata qui, è diventato più facile e molto più entusiasmante. Ho fatto grossi progressi in poche settimane. Sì, e gli studenti russi vogliono sempre praticare le lingue straniere!”, dice Julie. “Molti di noi, studenti di lingua inglese, hanno iniziato a conoscere la frase ‘Ti aiuterò con il tuo inglese, e tu mi aiuti con il mio russo’, dice Daniel Oene-Agyekumm, che viene dal Ghana e studia presso l’Instituto di Matematica e Informatica dell’Università Statale di Tjumen.

Gli insegnanti universitari sono comprensivi con gli errori degli stranieri, “ma questo non significa che siano eccessivamente indulgenti. In ogni caso, tutti gli studenti devono dare il meglio”, dice Julie.

C’è anche un dipartimento speciale per il supporto agli studenti e specialisti stranieri. Come racconta Julie, all’inizio le regole universitarie sembrano molto complicate, quindi il dipartimento delle relazioni internazionali è davvero d’aiuto. “I dipendenti conoscono i nomi di tutti gli studenti stranieri e sono sempre pronti ad aiutarti se sei confuso. A proposito, a Mosca, dove ho studiato cinque anni fa, non era così”, dice.

3. Potrai fare amicizia con studenti di tutto il mondo

Gli studenti stranieri riescono a stringere rapporti di vera amicizia con i russi? “Sì, sembrerà uno stereotipo, ma l’ho visto con i miei occhi: in un primo momento i russi sono educati e un po’ chiusi e formali, ma una volta che ti conoscono meglio, diventano amichevoli e cominciano a interessarsi a te. Ti senti straordinario”, dice Julie.

“Spesso, all’inizio, gli studenti russi mi offrivano aiuto quando non capivo assolutamente nulla durante le lezioni, e quando in seguito abbiamo scoperto di avere interessi comuni, questo è stato l’inizio di un’eccellente amicizia”, racconta Daniel. “In città puoi andare ovunque, se conosci anche solo un po’ di russo. A volte quando sono sui mezzi pubblici attaccano discorso con me, mi chiedono da dove vengo e cosa sto studiando. A volte la gente del posto, specialmente gli anziani, conoscono un po’ i Paesi africani e provano persino a indovinare da dove vengo. È molto divertente.”

Al momento, studiano qui quasi 790 studenti provenienti da vari Paesi stranieri. Nel 2018, visto l’aumento considerevole dell’afflusso di studenti stranieri, è stata creata l’Associazione degli studenti stranieri, il cui consiglio comprende rappresentanti di studenti provenienti da Cina, Vietnam, America Latina, Paesi africani e arabi (questo è il suo gruppo VKontakte). L’associazione riunisce gli studenti per vari motivi: da un torneo di calcio a un tavolo di discussione intellettuale fino ai problemi della vita nei dormitori.

All’università è attivo anche un programma Buddy, e gli studenti stranieri sono accolti da studenti russi che, senza inutili formalità, gli mostrano il dormitorio, come compilare i documenti e così via. “Sono arrivato alla Utmn lo scorso ottobre per iniziare un corso preparatorio di lingua russa”, dice Daniel Oena-Ageukum. “E sono stato aiutato da molti studenti russi: mi hanno mostrato dove sono la facoltà, il dormitorio e i negozi, mi hanno aiutato a comprare una sim card, mi hanno dato consigli su come vestirmi con questo clima e informazioni meteorologiche (in ottobre per me, che vengo dai tropici, Tjumen sembrava già molto fredda). Poi sono stato portato dal curatore del mio programma di formazione “Software and System Administration”, mi sono iscritto al corso e ho iniziato a studiare.”

4. Tirerai fuori la tua creatività, migliorerai le tue capacità comunicative e imparerai a parlare in pubblico

“Ho fatto conoscenza con la maggior parte dei miei amici non in un’aula universitaria, ma mentre partecipavo a vari progetti studenteschi”, afferma Julie Gerber. “Festival teatrali e musicali del programma Free University, dove insegnanti e studenti tengono conferenze sugli argomenti preferiti, nel loro tempo libero. Certo, passeggiamo, ceniamo insieme, a casa proviamo le commedie; e una volta abbiamo passato molte ore a fare un gigantesco collage.”

L’università non è solo l’insieme delle conoscenze acquisite durante gli studi, ma anche i contatti utili che ti fai, e che poi ti aiuteranno nella carriera. All’Università di Tjumen sono state create più di 130 associazioni studentesche: club intellettuali, un club di dibattiti parlamentari, un club di discussioni filosofiche; e ci sono gruppi che si occupano di design, coreografia, teatro…

Qui è attiva una Scuola di studi avanzati, la Sas, il cui direttore è Andrej Shcherbenok (Ph.D. presso l’Università della California a Berkeley), che ha invitato 45 insegnanti di discipline sociali e culturali dai tutto il mondo per preparare i laureandi nei rami moderni delle discipline umanistiche.

Qui insegnano Duskin Dram, artista, attore, Ph.D in Performance Studies (anche lui a Berkeley) e specialista in Storia del Petrolio; Jay Silverstein, antropologo-archeologo (Ph.D. all’Università della Pennsylvania) e Ann Mulhall (Ph.D. in Letteratura comparata presso il King’s College di Londra).

Si può mettersi alla prova come speaker; pubblicare articoli in giornali e riviste studentesche; diventare un eco-attivista o imparare le tecniche di PR virali nello stile di Kanye West: uno dei laboratori di pubbliche relazioni ha preso proprio il suo nome! L’università finanzia i progetti studenteschi più promettenti, ad esempio, solo per il periodo 2012-2015, ha allocato più di 38 milioni di rubli (circa mezzo milione di euro).

5. Conoscerai non solo la città, ma anche la natura selvaggia della Russia

La Siberia, che in tutto il mondo è diventata un simbolo del terribile freddo russo, è molto più varia di quanto si possa immaginare. Vivere a Tjumen significa anche frequenti escursioni nella natura.

Intorno alla città ci sono diverse sorgenti termali. E in inverno, gli amici ti trascineranno sicuramente in giro per le piste da sci. Julie dice: “Puoi anche unirti al club di sci di fondo e fare una ‘spedizione polare’ attraverso le montagne degli Urali: vale la pena provare un’avventura a -40 °C! Inoltre l'Università organizza regolarmente visite guidate nelle vicine città storiche, come Tobolsk (fondata nel 1587) e Yalutorovsk (fondata nel 1659), soprannominate 'le gemme della Siberia'”.

Julie era così ispirata dalla natura siberiana che ha riflettuto sulla percezione di questa regione da parte dei suoi compatrioti: così è apparso il suo articolo “Percezione della Siberia nella cultura di massa della Francia moderna”.

La città di Tjumen di per se stessa, secondo i nostri interlocutori, lascia un’impressione amichevole. A Julie piace andare nei ristoranti e provare piatti non familiari: “Mi è piaciuta particolarmente la cucina georgiana e uzbeka”, dice. Sia Daniel che Julie parlano dell’atmosfera accogliente del vecchio edificio universitario: “Ovunque ci sono fiori, divani e poltrone nelle sale, mobili in legno e soffitti alti, nei corridoi odore di caffè. L’atmosfera è confortevole e amichevole”, dice Julie. “Amo la grande pulizia, i fiori e le piante che sono ovunque nell’università e mi è piaciuto il modo caloroso in cui sono stato accolto”, afferma invece Daniel.

Dieci domande frequenti di chi decide di studiare in Siberia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie