Esplosioni in metro a Pietroburgo: si parla di attentato - LIVE

Forze dell’ordine fuori dalla fermata metropolitana Sennaya Ploshchad di San Pietroburgo.

Forze dell’ordine fuori dalla fermata metropolitana Sennaya Ploshchad di San Pietroburgo.

: Sergej Konkov/TASS
Lo ha rivelato il rappresentante della procura generale Aleksandr Kurennoj. Bombe sulla linea blu. Almeno una decina di morti e tanti feriti. Si tratterebbe di ordigni artigianali

Violente esplosioni nella metro di San Pietroburgo. Le deflagrazioni sono avvenute poco fa sulla linea blu della sotterranea. Così come riportano le agenzie di stampa russe, ci sarebbero numerosi feriti e almeno una decina di morti. 

Secondo quanto scrive il giornale Rbk, le esplosioni sarebbero avvenute nelle stazione Sennaya Ploshchad e Tekhnologicheskij Institut della linea blu. A Ploshchad Vosstaniya è invece stato trovato un ordigno inesploso.

“Alle 14.47 mi trovavo nella stazione Nevskij Prospekt – ha raccontato al Rbk un testimone –, per quattro minuti il treno non si è mosso e la gente si è affollata sulla banchina. Tutto intorno ha iniziato a sprigionarsi fumo e abbiamo iniziato a sentire odore di bruciato”.

Secondo quanto riportato dal testimone, la gente è uscita dalla stazione senza che si creasse il panico.

18.28 Nel frattempo sta circolando la foto del presunto attentatore. L’uomo, inquadrato dalle telecamere di sicurezza, sarebbe entrato nella stazione “Petrogradskaya” venti minuti prima dell’esplosione 

18.20 Sui social network è apparsa la foto dell’ordigno inesploso nella stazione “Ploshchad Vosstaniya”

17.55 Parole di cordoglio sono state espresse dall'alto rappresentante per la politica estera europea Federica Mogherini via Twitter, che ha scritto: “Stiamo seguendo le notizie che arrivano da San Pietroburgo insieme a tutti i ministri degli Esteri della UE. I nostri pensieri sono rivolti al popolo russo”.

17. 22 Le telecamere della metropolitana avrebbero ripreso il presunto organizzatore dell’esplosione. Lo riporta Interfax. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’ordigno sarebbe stato lasciato all’interno di un vagone, chiuso dentro una busta. La bomba sarebbe esplosa durante la corsa del treno tra le stazioni “Sennaya Ploshchad” e “Tekhnologicheskij Institut”. Nella stazione “Ploshchad Vosstaniya” sarebbe stato rinvenuto un altro ordigno inesploso

16.55 Così come ha rivelato l’ufficio stampa del governatore della città Georgij Poltavchenko, 22 feriti sono stati trasportati in ospedale dopo le esplosioni nella metropolitana di San Pietroburgo; 41 ambulanze sono intervenute sul posto

16.52 La metropolitana di San Pietroburgo è stata chiusa e in città il servizio di taxi Uber trasporterà i passeggeri gratis fino alla fine della giornata. Lo ha reso noto l’azienda con un comunicato stampa 

16.46 Parla di “attentato terroristico” il rappresentante della procura generale Aleksandr Kurennoj

16.29 Nella fermata della metropolitana “Ploshchad Vosstaniya” di San Pietroburgo è stato trovato un altro ordigno inesploso, riporta il giornale Fontanka

16.04 Secondo l’ufficio stampa del Comune di San Pietroburgo, i feriti sarebbero almeno 50

15.54 Putin ha fatto sapere che tra le ipotesi più accreditate c’è quella dell’attentato terroristico. Ma non si escludono anche altre versioni. Il Presidente russo ha espresso le proprie condoglianze alle famiglie delle vittime

15.46 Così come riporta l'agenzia Tass, sarebbero state chiuse tutte le stazioni della metropolitana di San Pietroburgo

Una delle stazioni della metro di San Pietroburgo dove si &egrave; verificata l&#39;esplosione\nEgor Lappo/ vk.com/egorlappo <p>Una delle stazioni della metro di San Pietroburgo dove si &egrave; verificata l&#39;esplosione</p>\n
Una delle stazioni della metro di San Pietroburgo dove si &egrave; verificata l&#39;esplosione\nEgor Lappo/ vk.com/egorlappo <p>Una delle stazioni della metro di San Pietroburgo dove si &egrave; verificata l&#39;esplosione</p>\n
Nella fermata &quot;Sennaya Ploshchad&quot; della metro di San Pietroburgo dove si &egrave; verificata l&#39;esplosione\nSergei Konkov/TASS<p>Nella fermata &quot;Sennaya Ploshchad&quot; della metro di San Pietroburgo dove si &egrave; verificata l&#39;esplosione</p>\n
Soccorritori al lavoro\nAnton Vaganov/TASS<p>Soccorritori al lavoro</p>\n
 
1/4
 

15.45 Il Presidente Putin ha affermato che al momento non si conoscono le cause delle esplosioni. Si stanno prendendo in considerazione tutte le ipotesi, anche quella di un possibile attentato

15.40 “Le cause (dell’esplosione, ndr) sono sconosciute – ha dichiarato Putin, così come scrive la Tass -. È presto per rilasciare delle dichiarazioni ma si stanno prendendo in considerazione tutte le ipotesi” 

15.38 Così come riporta l’ufficio stampa della metro di San Pietroburgo, dopo le esplosioni sette stazioni sono state chiuse: si tratta delle fermate Park Pobedy, Elektrosila, Moskovskie Vorota, Frunzenskaya, Tekhnologicheskyj Institut, Sennaya Ploshchad e Gostiny Dvor 

15.36 L’esplosione sarebbe avvenuta durante l’intervento del Presidente russo Vladimir Putin che a San Pietroburgo sta partecipando a un forum sui media

15.27 Secondo le informazioni riportate da Meduza, si tratterebbe di ordigni artigianali

15.24 Secondo l’agenzia Tass, una delle esplosioni sarebbe avvenuta nella fermata della metropolitan Sennaya

15.22 Sarebbero due le esplosioni registrate nella metro, così come riporta l’agenzia Interfax. La detonazione avrebbe avuto una potenza pari all’esplosione di 200-300 grammi di tritolo

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale