Siria, Lavrov: "Cessate il fuoco e corridoio umanitario"

L'appello del ministro russo degli Esteri: "Fin dall’inizio della attività delle Nazioni Unite abbiamo incoraggiato le parti coinvolte nel conflitto a concordare una pausa umanitaria e un cessate il fuoco"

Il cessate il fuoco in Siria e la creazione di un corridoio umanitario per aiutare le popolazioni civili. Queste l’appello lanciato da Mosca per sbloccare la crisi siriana. Lo ha annunciato ieri il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov durante una conferenza stampa nella capitale russa: “Fin dall’inizio della attività delle Nazioni Unite abbiamo incoraggiato le parti coinvolte nel conflitto siriano a concordare una pausa umanitaria e un cessate il fuoco”, ha dichiarato Lavrov, il quale oggi, intervenendo davanti alla Duma, ha fatto sapere che la Russia è interessata a una cooperazione concreta con l'Arabia Saudita, la Turchia e gli altri Paesi della regione sulla Siria. "Siamo pronti alla collaborazione più stretta, affidabile e pratica con tutti i paesi della regione, compresa l'Arabia Saudita - ha detto -. Lavoriamo anche con i nostri vicini turchi e con tutti coloro che in un modo o nell'altro sono preoccupati per ciò che sta accadendo in Siria”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta