Yamal, dal misterioso cratere un nuovo lago

Il cratere formatosi nello Yamal (Foto: Dipartimento di polizia della regione)

Il cratere formatosi nello Yamal (Foto: Dipartimento di polizia della regione)

Il grosso buco, formatosi per cause ancora da accertare, ha iniziato a riempirsi di acqua dando origine a un nuovo bacino lacustre

Il misterioso cratere siberiano, formatosi nello Yamal nell’estate del 2014, ha iniziato a trasformarsi in un lago. Durante lo scorso inverno e la scorsa primavera, infatti, il cratere ha iniziato a riempirsi di acqua per un’altezza che ha raggiunto i dieci metri. Gli studiosi avevano già previsto che, in un paio di anni, il misterioso cratere si sarebbe trasformato in un bacino lacustre. 

Così come ha spiegato a RBTH il capo della spedizione che si è recata sul posto per monitorare il cambiamento, Vasily Bogoyavlensky, dottore in Scienze tecniche dell’Istituto per lo studio del petrolio e del gas, alcuni mari dell’Artico potrebbero aver avuto una formazione simile. 

 
I segreti del meteorite di Chelyabinsk

Gli studiosi stanno inoltre vagliando un’altra ipotesi, secondo la quale i laghi con forma rotonda nella penisola dello Yamal potrebbero essere nati per esplosioni causate dalle elevate temperature del sottosuolo. 

Secondo Bogoyavlensky, il processo si produce in territori dove c’è una presenza di permafrost (un terreno tipico delle regioni settentrionali dove il suolo è perennemente ghiacciato) e gelo sotterraneo. A causa dell’aumento globale delle temperature, in questi territori si formano colline di un diametro ampio fino a due chilometri e decine di metri di altezza.

L’origine del cratere

Nel luglio dell’anno passato vennero scoperti nello Yamal i primi buchi: la loro apparizione scatenò diversi interrogativi nella comunità scientifica locale e iniziò ad attrarre moltissimi curiosi. Anche i video caricati su YouTube ottennero numerosissime visualizzazioni. Il primo misterioso cratere scoperto ha un diametro di 60 metri; il secondo, un diametro di 15 metri. Nel febbraio di quest’anno venne scoperto un altro cratere, di 15 metri di diametro. La perfezione della loro forma è impressionante e le teorie sulla loro apparizione hanno stimolato la fantasia dei più: si è parlato di extraterrestri e della sperimentazione di armi sotterranee, fino all’ipotesi di una possibile relazione con i grandi giacimenti di gas e petrolio presenti nel paese.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta