Nell’anniversario del Caso Bolotnaya l’opposizione cerca di scendere in strada

Le autorità però non autorizzano la manifestazione nel centro di Mosca, offrendo ai manifestanti uno spazio nella zona nord-orientale della città. Gli organizzatori: “Proposta assurda”

L’opposizione russa non potrà organizzare una manifestazione a sostegno dei dimostranti del “Caso Bolotnaya”, condannati per i disordini di massa avvenuti il 6 maggio del 2012

La richiesta di poter organizzare una marcia nel centro della città è stata respinta dal comune di Mosca. Alla manifestazione erano attese circa 15.000 persone. Le autorità hanno giustificato il divieto con i preparativi per il 70esimo anniversario della Vittoria nella Seconda Guerra Mondiale, offrendo agli organizzatori uno spazio nel nord-est della capitale. “È molto strano organizzare fuori dalla città una manifestazione dedicata ai fatti di Piazza Bolotnaya”, hanno detto gli organizzatori.

“È assurdo”, ha commentato a Rbth Aleksandr Ryklin, membro del Comitato di Azioni di Protesta. Secondo lui, il 6 maggio ci sarà molta gente che si recherà in Piazza Bolotnaya, perché “fino a questo momento non è stato vietato l’ingresso alla piazza”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta