A Chelyabinsk il nuovo Consolato Onorario Italiano

Aprirà il 5 dicembre 2014. Per l’occasione verrà organizzato anche un forum economico

Aprirà a Chelyabinsk il nuovo Consolato Onorario Italiano. L’inaugurazione è fissata per il 5 dicembre 2014. Una data che diventa occasione anche per promuovere i rapporti tra l’Italia e la Regione di Chelyabinsk dal punto di vista commerciale, culturale e turistico.

In accordo con il Governatore Dubrovsky e con il Governo della Regione, verrà infatti organizzato un Forum economico, al quale potranno partecipare le aziende del Belpaese interessate a esportare o a investire nella regione. Un’occasione per incontrare le principali aziende locali e i rappresentanti delle istituzioni.

La Regione di Chelyabinsk conta circa 3 milioni e mezzo di abitanti ed è considerate la capitale della metallurgia russa. Qui infatti hanno sede gran parte delle aziende russe del settore, come MMK (Magnitogorsky Metallurgichesky Kombinat), Micel, Zlatousty, Chelpipe, Magnesit e molte altre.

Dopo un quinquennio di recessione mondiale del settore, ora si registra una nuova crescita di questo comparto in Russia. La regione è tornata a essere una delle prime dieci regioni russe per pil.

Altri settori in crescita in questa regione sono quelli agricolo e agroindustriale, che vantano veri e propri colossi dell’industria russa come Ariant, Makfa, Soyuspishiprom.

Anche i settori della metalmeccanica, dell’energia e delle costruzioni sono in forte espansione. Tradizionale nella regione è anche la ricerca applicata nel settore nucleare.

Questi i settori principali che saranno tratta durante il Forum. Considerando le dimensioni della regione e il livello del pil potranno tuttavia essere inclusi anche altri settori e organizzati incontri individuali.

Il Forum si svolgerà il 5 dicembre 2014 presso l’Hotale Radisson di Chelyabinsk a partire dalle 13 (ora locale). La partecipazione al Forum sarà gratuita con spese di  viaggio ed alloggio a carico dei partecipanti. Per maggiori informazioni: open.consulate@gmail.com

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta