Trasporto merci: l'alternativa al canale di Suez passa per la Russia

Konstantin Mikhalchevskij / Sputnik
Il trasporto di merci dall'Europa ai paesi del Golfo Persico attraverso il corridoio internazionale Nord-Sud, che interessa anche la Russia, permetterebbe di dimezzare i tempi del Canale di Suez

Il trasporto di merci tra l'Europa e i paesi del Golfo Persico lungo il corridoio internazionale di trasporto Nord-Sud, che corre anche lungo le ferrovie russe, permetterebbe di ridurre i tempi della metà rispetto a quelli necessari adesso per attraversare il Canale di Suez. Lo ha detto nei giorni scorsi il vice direttore generale delle Ferrovie Russe, Aleksej Shilo, durante un briefing. Lo scrive la TASS.

L'ipotesi di rotte alternative al Canale di Suez è tornata d'attualità dopo il caso della Ever Given, la nave portacontainer incagliatasi alla fine di marzo nel Canale di Suez in diagonale. L'incidente aveva causato il blocco di questa importante arteria di trasporto per diversi giorni.

Il corridoio di trasporto internazionale Nord-Sud, invece, è un percorso multimodale di rotte navali, ferroviarie e stradali che va da San Pietroburgo al porto di Mumbai, in India, ed è lungo 7.200 km. È considerato un'alternativa alla rotta marittima che collega l'Europa e i paesi del Golfo Persico e dell'Oceano Indiano attraverso il Canale di Suez. Questo corridoio di trasporto ha tre percorsi: transcaspico (utilizzando ferrovie e porti), occidentale e orientale (via terra).

“Se parliamo della parte russa di questa rotta, oggi abbiamo un bel po' di opzioni su come potremmo portare questo carico (che passa attraverso il canale di Suez, ndr). Si tratta di un trasporto multimodale che utilizza il Mar Caspio e i porti russi sul Caspio, come il porto di Olya. L'infrastruttura oggi sarebbe pronta”, ha spiegato Shilo.

Per quanto riguarda il percorso occidentale, il trasporto ferroviario diretto non è attualmente servito dalla linea Rasht-Astara (Iran) - Astara (Azerbaigian). Shilo ha detto che il programma di investimenti delle Ferrovie Russe prevede di finanziare la modernizzazione del passaggio di frontiera con l'Azerbaigian, sottolineando che i passaggi di frontiera non limiterebbero il trasporto. Per la consegna del carico verrebbe utilizzato un percorso multimodale che includerebbe il trasporto su strada fino ai luoghi necessari.

“A livello di volumi, finora sono minimi su questa rotta, anche se abbiamo fatto molto per svilupparla”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda la rotta Iran-Finlandia, il trasporto attraverso il corridoio Nord-Sud può richiedere 13-14 giorni; secondo il capo delle Ferrovie Russe, si tratta di tempistiche due volte più veloci rispetto al trasporto marittimo. In totale, le merci transiterebbero cinque giorni in Russia, due giorni in Azerbaigian e il resto attraverso l'Iran.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie