Perché la Russia ha ridotto il suo debito a zero?

Reuters
Per la prima volta dal 2014, le riserve di liquidità hanno superato il debito del paese. Perché è così importante?

L'impegno della Russia per l'indipendenza, sia politica che economica, sembra aver spinto il paese in una fase nuova. In risposta alle sanzioni occidentali e al crollo dei prezzi del petrolio, le autorità hanno intrapreso la strada dell'accumulo di riserve per garantire la stabilità finanziaria. Come risultato di questa rigorosa disciplina sul debito, il debito pubblico netto del paese è sceso ora sotto lo zero, riportaRBC Daily

Le statistiche ufficiali rivelano quindi che il Cremlino, in caso di necessità, potrebbe ripagare facilmente tutti i suoi debiti. In data 1° agosto, il debito totale del paese (il debito interno ed estero dello Stato) era pari a 16,2 trilioni di rubli (248 miliardi di dollari), ovvero il 15% del PIL: meno dell’importo dei contanti presenti nei depositi della Russia nella Banca centrale e nelle banche commerciali (17,6 trilioni di rubli, 269 miliardi di dollari), ovvero il 16,2% del PIL.  

Un debito inferiore rispetto a quello degli USA e della Cina 

Questi numeri non includono il debito commerciale ma, anche se fosse tenuto in considerazione, l’economia russa risulterebbe migliore di quella… del resto del mondo! A fronte della crisi finanziaria globale del 2008, molte economie mondiali hanno dovuto prendere in prestito ingenti somme per evitare la recessione e, secondo il FMI, le economie più indebitate del mondo sono anche le più ricche.

Nel 2017, il debito globale totale ha raggiunto il massimo storico di 184 trilioni di dollari (225% del PIL mondiale) o, in termini pro capite, 86.000 dollari di debito pro capite sul pianeta. I primi tre mutuatari nel mondo - Stati Uniti (256% del PIL), Cina (254% del PIL) e Giappone (395% del PIL) - hanno rappresentato più della metà del debito globale, superando la loro quota di produzione globale.

"Per quanto riguarda la Russia, nel 2017 il suo debito è stato pari all'84% del PIL, l’81,5% del quale commerciale (o privato), ovvero, in termini pro capite, 897 dollari a persona”, dice Gaidar Gasanov, esperto del Centro Finanziario Internazionale di Mosca. "Le riserve russe hanno superato i 500 miliardi di dollari per la prima volta quest'anno, il che significa che l'economia può garantire la stabilità della sua moneta nazionale in caso di nuovi potenziali rischi di sanzioni in futuro".

Una decisione forzata? 

Ma una simile politica “ha un costo”, dicono gli esperti: risparmiare denaro senza utilizzarlo per stimolare la crescita economica rischierebbe di portare a un’ulteriore stagnazione, fa notare Sergej Suverov, analista senior di BKS Premier. "La crescita del PIL nella prima metà del 2019 ha raggiunto solo lo 0,7% - dice -. Ciò porta a una situazione unica che indica un elevato valore di credito dei bond russi, così come una minore attrattiva degli investimenti in Russia. Gli investitori hanno bisogno di vedere uno sviluppo economico, che qui non c’è”.  

Allo stesso tempo, questo corso di salva-moneta potrebbe essere stata una decisione forzata, ritiene Anton Bykov, analista senior del Center of Analytics and Financial Technologies. "Questa politica ha spinto le autorità a tagliare le spese sociali e ad aumentare le tasse, cosa che non ha giocato a favore dell’apprezzamento pubblico nei confronti delle autorità - dice -. Cosa avrebbe spinto il governo ad attuare una simile politica? Probabilmente si aspettano una riduzione delle entrate statali in futuro, a causa del rallentamento dell'economia globale. E ciò in una situazione in cui il mercato dei prestiti occidentali sarebbe chiuso".

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie