Riserve auree: viaggio nei caveaux della Banca Centrale dove è custodito l’oro della Russia

La Federazione è la sesta nazione detentrice di riserve auree a livello mondiale

Le riserve auree della Russia ammontano a 1.800 tonnellate e fanno della Federazione la sesta nazione detentrice di riserve auree a livello mondiale. Grazie alle testimonianze raccolte dai giornalisti di Komsomolskaya Pravda, che per primi hanno messo piede nei caveaux della Banca Centrale del Paese, oggi è possibile dare un’occhiata ai luoghi che custodiscono questo tesoro

A differenza di come spesso vengono rappresentati nei film, questi caveaux nella realtà hanno un aspetto ben più “monotono”

I lingotti d’oro sono conservati all’interno di scatole rinforzate con barre metalliche, impilate le une sopra le altre, fino a formare lunghissime file ordinate

Ogni contenitore custodisce 20 lingotti d’oro sigillati uno per uno. Ogni lingotto d’oro pesa tra i 12 e i 13 chili!

Ogni lingotto è accompagnato da un certificato di qualità ed è composto al 99,95% da oro. La percentuale restante comprende impurità come argento, ferro e platino

Sul lingotto sono indicati il nome del produttore, il luogo, l’anno e il peso

Il personale impiegato all’interno dei caveaux deve svolgere un compito non del tutto semplice: immaginatevi di dover muovere e spostare tutto il giorno pesantissimi lingotti d’oro!

All’interno dei caveaux vigono regole ferree per garantire che l’oro sia conservato in ottime condizioni

Inoltre è obbligatorio appoggiare i lingotti sopra uno speciale panno verde per evitare graffi e scalfiture

Quando parlano dei lingotti d’oro, i dipendenti fra di loro li chiamano semplicemente “metallo”. Perché? Immaginatevi di lavorare ogni giorno a stretto contatto con enormi e pesantissime tonnellate di oro. Dopo un po’ tutto quell’oro ai vostri occhi “perderebbe valore” e sarebbe visto come un semplice metallo

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più
Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie