Gazprom sorpassa tutti: è la più grande compagnia energetica al mondo

Aleksej Danichev/RIA Novosti
La società russa ha guadagnato il primo posto scalzando l’americana ExxonMobil che dominava ininterrottamente la classifica dal 2005

L’annuale classifica delle più grandi aziende energetiche del mondo redatta da S&P Global Platts ha un nuovo leader: la società energetica statale russa Gazprom ha superato infatti l’americana ExxonMobil, che occupava stabilmente la prima posizione dal 2005.

La società statunitense è retrocessa alla nona posizione, dietro, tra le altre, oltre che a Gazprom, alla tedesca E.On Se, alla indiana Reliance Industries, alla Korea Electric Power Corporation e alla cinese Cnpc. L’utile combinato delle prime 10 aziende ha raggiunto 63,7 miliardi dollari lo scorso anno, il 14 per cento in meno rispetto al periodo precedente.  

Ma come ha fatto Gazprom a balzare in testa alla classifica? Ivan Kapitonov, professore alla Scuola Superiore di Gestione Aziendale presso l’Accademia Presidenziale Russa dell’Economia Nazionale e della Pubblica Amministrazione (Ranepa), ritiene che la ragione principale del sorpasso di Gazprom sia stato il calo di ExxonMobil, che è avvenuto a causa del calo dei prezzi del petrolio e della guerra delle sanzioni contro Russia. Il prezzo del greggio nel 2016 (il periodo considerato dalla classifica) è stato in media di $46 al barile, ben al di sotto della media di 2015. 

“Non c’è niente di sovrannaturale. Se ExxonMobil non avesse sofferto molto, Gazprom non sarebbe riuscita a superarla”, ha detto a Russia Beyond.

Secondo Kapitonov, Gazprom continua a guardare con fiducia al suo progetto di gasdotto North Stream-2 dalla Russia all’Ue, il cui completamento sarebbe previsto entro la fine del 2019. “Un’intera area di potenziali opportunità di investimento stanno emergendo, anche se al momento non è ancora tutto chiaro”, dice l’esperto.

Parlando della classifica stessa, che si basa sulla valutazione annuale delle attività, delle entrate, dei profitti e del ritorno sugli investimenti delle società, Kapitonov sostiene di non assumere la leadership di Gazprom come un fattore costante. “La caduta o la salita nelle prime 100 posizioni è qualcosa che è possibile in questa classifica, per cui il primo posto dovrebbe essere considerato come motivazione (per Gazprom) per continuare ad andare avanti e a migliorarsi”, ha detto a RB.

 

Cinque fatti su Gazprom

1) Gazprom è la più grande società per azioni della Russia, con il 50,002% del suo capitale sociale di proprietà dello Stato russo.

2) Essa detiene le maggiori riserve di gas naturale del mondo: la quota di Gazprom nelle riserve di gas globali e russe ammonta rispettivamente al 17 e al 72 per cento.

3) Oltre al progetto North Stream-2, Gazprom è occupato da altri ambiziosi progetti all’estero. I più importanti sono il gasdotto Forza della Siberia che porterà gas verso la Cina e i mercati asiatici e Turkish Stream, che attraverso il Mar Nero raggiungerà la Turchia.

4) Secondo Platts, lo scorso anno i beni della società ammontavano a 296,8 miliardi di dollari, i ricavi a 107,2 miliardi di dollari e i profitti a 16,7 miliardi di dollari.

5) Da tre anni Gazprom resta anche in testa alla classifica RBC delle compagnie energetiche più redditizie di Russia. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale