Gas, memorandum Italia-Russia-Grecia per nuove forniture

Condotte per il trasporto di gas. Fonte: Reuters

Condotte per il trasporto di gas. Fonte: Reuters

Siglato a Roma un accordo preliminare fra Gazprom, Depa ed Edison per studiare nuove rotte di approvvigionamento

Il gas dalla Russia potrebbe arrivare direttamente all’Italia e alla Grecia. Il 24 febbraio a Roma è stato firmato un memorandum d’intesa “in relazione alle forniture di gas dalla Russia attraverso il Mar Nero verso la Grecia e l’Italia”, volto allo sviluppo di un progetto di gasdotto tra Grecia e Italia, funzionale all'apertura di una nuova rotta di approvvigionamento di gas naturale.

L’accordo, si legge in una nota ripresa anche da Ria Novosti, è stato siglato tra Gazprom, Depa ed Edison, che vogliono utilizzare il più possibile le attività già eseguite da Edison e Depa in relazione al progetto Itgi Poseidon, il cui punto italiano è Otranto. Al tavolo delle trattative, Alexej Miller, presidente del management committee di Gazprom, Marc Benayoun, amministratore delegato di Edison e Theodoros Kitsakos, amministratore delegato di Depa.

Il memorandum è stato firmato dopo un incontro tra Miller e Federica Guidi, ministro italiano dello Sviluppo Economico, al quale ha partecipato anche George Tsipras, segretario generale del Ministero per gli Affari Esteri della Repubblica Greca.

Secondo Miller, lo sviluppo di capacità di trasporto intra-europeo è un “elemento importante per garantire forniture affidabili di gas ai consumatori europei”.

"Il possibile sviluppo di questo nuovo progetto favorirà la sicurezza del sistema di approvvigionamento italiano e il ruolo del Paese come principale hub sud-europeo del gas", ha commentato Marc Benayoun, amministratore delegato di Edison, dopo la firma.

"Il rilancio del progetto Itgi-Poseidon rafforza la sicurezza del sistema energetico europeo, con un corridoio di approvvigionamento supplementare e il ruolo della Grecia come importante snodo per il gas da fonti e rotte diversificate", ha detto Theodoros Kitsakos, amministratore delegato di Depa.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta