Il ricordo più dolce dell'Urss

Il dolce sapore dello zucchero filato.

Il dolce sapore dello zucchero filato.

: Getty Images
Chiunque sia cresciuto durante il periodo sovietico ricorda il profumo del caramello artigianale e il gusto intenso del latte condensato fatto in casa

Pane tostato con burro e zucchero

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

“Era una delle cose che più adoravo da bambina”, ricorda Anna Sorokina, dell’edizione inglese di Rbth. “I miei genitori me lo preparavano spesso. Era davvero delizioso”.

Il dolce Kartoshka

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

La Kartoshka è uno dei dolci più famosi del periodo sovietico. Originariamente veniva preparato nel mitico ristorante Praga di Mosca, in via Arbat. Ma qual è il secreto della sua popolarità? La ricetta di questo dolce prevede l’utilizzo degli avanzi di altri dolci, come i resti dei biscotti o dei frollini rotti, ai quali venivano aggiunti cacao e latte condensato. Talvolta veniva utilizzato anche del pane al posto dei biscotti.

Caramello artigianale

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

“Ricordo che mia nonna prendeva un cucchiaio pieno di zucchero e lo poneva sopra il forno”, spiega Nikolaj Shevchenko. Lo zucchero iniziava così a sciogliersi e la stanza si riempiva di un dolce profumo. Chiunque sia nato durante il periodo sovietico ricollega questo dolce alla propria infanzia. “Era il metodo che mia nonna utilizzava per farmi rientrare a casa quando giocavo fuori in strada”.

Per prepararlo basta porre un cucchiaio di zucchero sopra il forno. Quando lo zucchero sarà diventato marrone, lasciatelo raffreddare.

Rot front

Fonte: Rot FrontFonte: Rot Front

Fin dall’epoca sovietica queste caramelle avvolte in una carta colorata hanno sempre attirato l’attenzione dei bambini. “Orso del nord”, “Scoiattolo” e “Stratosfera” erano alcuni dei simpatici nomi di queste caramelle. “Ricordo che mia mamma le nascondeva, ma alla fine io le trovavo sempre”, dice Aleksandra Guzeva.

Bibite zuccherate

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Prima che arrivassero la Coca Cola e la Fanta i bambini sovietici adoravano le bibite rosse, verdi o arancioni. “Sitro”, “Buratino” o “Sayan” erano alcune delle varietà più famose che ancora oggi si possono trovare nei negozi russi.

“Chiunque sia cresciuto in Unione Sovietica ricorda le macchinette che distribuivano acqua gratuitamente o scioroppo a prezzi stracciati. E ognuno beveva dallo stesso bicchiere”, ricorda Guzeva.

Latte condensato

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Ogni bambino sapeva che se la pentola con il latte condensato rimaneva troppo tempo sul fuoco poteva esplodere, lasciando le pareti completamente appiccicose. Ma se viene preparato nel modo corretto ne risulta una specie di caramello da mangiare con il cucchiaio o da utilizzare per la preparazione di dolci e biscotti. Al giorno d’oggi il latte condensato viene venduto in qualsiasi supermercato e non è più necessario cucinarlo in casa.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale