L'Italia vista con gli occhi dei grandi fotografi in mostra a San Pietroburgo

Archivi Alinari,Firenze/ROSPHOTO
Un'esposizione allestita nel centro Rosphoto raccoglie gli scatti di 75 artisti che hanno saputo ritrarre, nel corso dell'ultimo secolo e mezzo, la variegata bellezza dello Stivale. Un percorso per immagini che testimonia la ricchezza del Belpaese e la straordinaria vitalità della fotografia italiana

Dalle cime innevate delle montagne al caldo soffocante delle città del sud. Scorci, paesaggi e volti di un’Italia bella e variegata, raccontati in Russia attraverso gli scatti di 75 fotografi, i cui lavori - realizzati nell’arco di un secolo e mezzo - compongono quella che è diventata oggi una galleria di ritratti e memorie esposta a San Pietroburgo nella mostra “Italiae. Dagli Alinari ai maestri della fotografia contemporanea” (Centro espositivo ROSPHOTO). 

Il percorso espositivo illustra la bellezza e la varietà del Belpaese attraverso gli scatti d’archivio di 75 fotografi, dai fratelli Alinari a Luigi Ghirri, da Mario Giacomelli e Franco Fontana, passando per Fosco Maraini, Giorgio Roster, Giovanni Crupi, Vittorio Sella, Paolo Spigariol, Gabriele Basilico e Antonio Biasiucci, solo per citarne alcuni. Nelle loro opere, diverse per tono, tecnica e stile, questi artisti hanno cercato di catturare l’Italia in tutta la sua abbondante bellezza, oltre alla complessità della sua storia e delle sue tradizioni.

Vista aerea della Laguna di Venezia

Un percorso per immagini che testimonia al contempo la ricchezza del Belpaese e la straordinaria vitalità della fotografia italiana.

La mostra, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con la Fondazione Alinari e il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con il patrocinio del Consolato Generale d’Italia di San Pietroburgo, rimarrà aperta al pubblico presso il centro espositivo ROSPHOTO (Bolshaya Morskaya ul., 35) fino al 19 settembre 2021.

Per saperne di più, cliccate qui.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie