Tra maschere e gondole, la vita della Venezia del XVII secolo esposta a Mosca

Ufficio stampa
Fino a fine estate il Museo “Tsaritsyno” ospiterà più di 100 opere provenienti dai musei veneziani ed esposte per la prima volta in Russia

Si intitola “Sotto la Maschera di Venezia” la mostra dedicata alla cultura veneziana del Settecento, allestita nel Museo-tenuta “Tsaritsyno” di Mosca dal 27 aprile al 29 agosto 2021. L’esposizione comprende più di 100 opere della Fondazione Musei Civici di Venezia, presentate per la prima volta in Russia.

L’evento, organizzato per l’anniversario della città adagiata sull’acqua che quest’anno compie 1600 anni, offre al pubblico russo la possibilità di conoscere la vita dei veneziani del XVIII secolo, svelando poi i segreti delle tradizionali maschere.

La mostra, curata da Daria Kolpashnikova (Museo-tenuta “Tsaritsyno”) e Chiara Squarcina (Fondazione Musei Civici di Venezia), ospita opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Ducale, Museo Civico Correr e Ca’ Rezzonico (Museo del Settecento veneziano), Museo del Vetro di Murano e Museo di Palazzo Mocenigo (Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo).

A Mosca saranno esposte delle maschere carnevalesche (incluse le “baute”, il travestimento veneziano per antonomasia), alcuni costumi dei cittadini nobili, oggetti di vetro di Murano, la prua di ferro di una gondola del XVII secolo, ma anche incisioni, dei dipinti di Pietro Longhi che raffigurano la vita quotidiana di Venezia e persino i giochi d’azzardo dalle case da gioco veneziane. L’esposizione è completata da alcuni oggetti tratti dalle collezioni del Museo Statale delle Belle Arti Pushkin, del Museo Statale di Storia e del Museo-tenuta “Archangelskoe”.

La mostra sarà accompagnata da un ricco programma culturale organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con il Museo-tenuta “Tsaritsyno”.

Per maggiori informazioni, cliccate qui



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie