Cronid Gogolev, l’artista che raccontava la Carelia con le sue incisioni in legno

Ruslan Shamukov/TASS
Trovò la massima fonte di ispirazione nella sua terra adottiva, la Carelia, dove oggi è considerato una vera celebrità. Storia e opere di un artista sconosciuto all’estero, ma amato e apprezzato nella piccola Repubblica del nord, dove gli è stato dedicato un intero museo

Kronid Gogolev, 1987

Cronid Gogolev (1926-2013), un ragazzo dall’insolito nome greco, aveva 16 anni quando scoppiò la Seconda guerra mondiale. Nato nel governatorato di Novgorod nella famiglia di un ex sacerdote, Cronid partì volontario per il fronte.

Trascorse tutta la guerra fra i combattimenti, e alla fine del conflitto ricevette una medaglia per la Vittoria.  

Al termine della guerra, quel ragazzo ormai cresciuto decise di diventare un artista. E così nel 1950 si diplomò alla Scuola di arti grafiche di Leningrado, prima di diventare insegnante in una scuola d’arte nella Repubblica della Carelia. 

Gogolev era solito dire che nella sua esperienza di pittore aveva sempre sentito una sorta di “soffitto” sopra la testa. Fu solo in Carelia, fra i boschi sconfinati di conifere e l’architettura in legno degli edifici che riuscì per la prima volta a “toccare” gli alberi e a “perdere la pace per alcune decine di anni”.

Gogolev lavorava soprattutto il tiglio, ricavando lavori unici da tavole intagliate. La figlia Maria ricorda che il padre trascorreva buona parte del suo tempo chiuso nel suo laboratorio, dove vi era un fitto andirivieni di persone: i suoi estimatori arrivavano appositamente in città per vederlo all’opera e per capire come realizzava i suoi capolavori.  

La natura, le foreste e i laghi della Carelia sono state le principali fonti di ispirazione, cui si aggiungono le abitudini e lo stile di vita degli abitanti locali. Gogolev ha scolpito anche alcuni soggetti religiosi, il più famoso dei quali è “L’ultima cena”. 

Le sue mostre personali sono state allestite a Mosca, ma è nella sua città adottiva di Sortvala, in Carelia, che Gogolev è considerato una vera celebrità: il giornale locale “Respublika” lo ha addirittura inserito fra i 100 simboli della Carelia. E negli anni ‘80, le autorità locali gli hanno riservato un edificio per esporre la sua collezione. 

Oggi il Museo di Cronid Gogolev è uno dei principali luoghi turistici della città di Sortvala: vi ha fatto visita anche Vladimir Putin, al quale lo stesso Gogolev aveva regalato una delle sue opere.



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie