I dodici più bei panorami di betulle della pittura russa

Quest’albero è uno dei principali simboli della Russia, e i più grandi artisti del Paese si sono messi alla prova fin dall’Ottocento nel rappresentare foreste e boschetti nelle varie stagioni dell’anno

Aleksej Savrasov (1830-1897) – “I corvi devono tornare a casa”, 1871

Ivan Shishkin (1832-1898) – “Boschetto di betulle”, 1878

Arkhip Kuindzhi (1842-1910) – “Boschetto di betulle”, 1879

Isaak Levitan (1860-1900) – “Boschetto di betulle”, 1885-89

Iljà Repin (1844-1930) – “Betulle. Giorno di sole”

Efim Volkov (1844-1920) – “Autunno dorato - Fiumiciattolo placido”, 1893

Mikhail Nésterov (1862-1942) – “Due lada” [divinità slava pagana], 1905 

Pjotr Petrovichev (1874-1947) – “Betulle”, 1907

Konstantin Juon (1875-1958) – “Il sole di marzo”, 1915

Vasilij Baksheev (1862-1958) – “Primavera azzurra”, 1930

Pjotr Konchalovskij (1876-1956) – “Giorno di primavera”, 1955

Nikolaj Anokhin (1966-) – “Inverno. Gelo e sole”, 1999


Perché i russi vanno così pazzi per le betulle? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie