La rinascita delle opere d’arte dopo il restauro: il museo Pushkin svela il prima e il dopo

Museo Pushkin di Mosca
Questi capolavori erano stati distrutti durante la Seconda guerra mondiale. Ecco come appaiono oggi, dopo il restauro realizzato dal museo moscovita

Come rinasce un’opera d’arte, prima e dopo il restauro. È il progetto lanciato dal Museo Pushkin di Mosca, che ha inaugurato sul proprio sito una sezione dal titolo “Twice Rescued”, che svela il “prima” e il “dopo” di vasi, sculture e opere d’arte, distrutti durante la Seconda guerra mondiale e ristrutturati. 

Nel 1945 i musei sovietici ottennero dalla Germania alcuni tesori artistici come forma di compenso. Gli specialisti sovietici riuscirono a salvare vari capolavori pittorici provenienti dalla Galleria di Dresda, oltre ad antiche opere artistiche dell'Europa occidentale. Un lavoro che continua ancora oggi nella Russia moderna: solo nel primo decennio del 2000 i restauratori russi hanno riportato in vita oltre 750 oggetti preziosi.

1 / Bassorilievo 

Roma, I secolo a.C. - I secolo d.C.

2 / Donatello D. (?), Cupido danzante o Spiritello

Italia, 1500-1525 (?)

3 / Oinochoe decorato con cerchi concentrici

Cipro, VII secolo a.C.

4 / Agostino Zoppo, La montagna dell'inferno

Italia, metà anni '50

5 / Testa di bambino

Sul modello di Desiderio da Settignano (1430-1464)

6 / Donatello, San Giovanni Battista 

Firenze, 1425-1430 (?)

7 / Nello stile di Andrea Briosco, detto Il Riccio (1470-1532), Ragazzo con un insetto (Calamaio)

8 / Calice di vetro nero con corona d'edera

Attica, inizio III secolo a.C.

9 / Anfora raffigurante un corteo di cavalieri e la testa di una dea

Etruria, VI secolo a.C.

10 / Pittore di Dario, anfora pugliese a figure rosse raffigurante la morte di Atteone

Italia meridionale, Puglia. Da Ceglie del Campo, 320 a.C. circa

La mostra fotografica di opere d'arte restaurate nei laboratori del Museo Pushkin, dal titolo "Twice Rescued", verrà inaugurata nella città indiana di Chennai nel settembre 2020 e al Museo Pushkin di Mosca nell'ottobre 2020



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie