Cultura: Russia e Italia verso un piano di collaborazione triennale

Aleksej Danichev/Sputnik
Firmata una dichiarazione congiunta di intenti: previste tournée di artisti, mostre e interscambio di esperienze nel settore della conservazione, del restauro e delle attività museali

Russia e Italia hanno concordato un piano triennale di collaborazione culturale. Lo ha fatto sapere giovedì scorso l’ufficio stampa del Ministero italiano, al termine di una riunione presieduta dalla Sottosegretaria di Stato del Ministero per i beni e le attività culturali Lorenza Bonaccorsi e dalla vice ministra russa per la Cultura Alla Manilova. La notizia è stata ripresa dall’agenzia Tass

“Durante la riunione è stato presentato un ampio piano di attività legato agli scambi culturali per il periodo 2020-2022, che le parti si sono impegnate a firmare a livello governativo nel corso di quest’anno - si legge in una nota del Ministero italiano -. Tra le varie iniziative si prevedono delle tournée di collettivi sinfonici russi in Italia, l’organizzazione di mostre di importanti opere d’arte di entrambi i paesi, oltre all’interscambio di esperienze nel settore della conservazione, del restauro e delle attività museali. Al termine dei lavori è stata firmata una dichiarazione congiunta, che sancisce l'intenzione di rafforzare gli scambi nel campo della cultura e del turismo".

Le parti si sono inoltre impegnate a partecipare a forum internazionali, festival e conferenze organizzati in Russia e in Italia.

I due paesi sono legati da una lunga storia di collaborazioni culturali, basate sull’interesse reciproco di avvicinare i popoli alle rispettive culture. Senza dimenticare che l’Italia è una delle mete turistiche privilegiate dai russi: il flusso di visitatori cresce ogni anno, così come si sta registrando un interessante aumento dei turisti italiani che decidono di visitare la Federazione. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie