I grandi stilisti mondiali ritratti da un fotografo sovietico: la mostra a Mosca

Gli scatti di Vladimir Sychev, primo grande collaboratore di Vogue, saranno esposti fino al 16 febbraio nella mostra “Great Couturiers of Bygone Era”

Vladimir Sychev è un fotografo russo emigrato in Francia nel 1980. Sue le foto scattate in epoca sovietica e pubblicate poi da diverse riviste: scatti che hanno ottenuto addirittura l’apprezzamento del celebre fotografo Helmut Newton. E fu proprio grazie a Newton che Sychev ricevette l’invito di collaborare con Vogue.  

In breve tempo, Sychev è diventato il primo fotografo con cui Vogue ha sottoscritto un contratto. Sychev ha immortalato sfilate e sessioni fotografiche, riuscendo a ritrarre le maggiori star dell’epoca, da Yves Saint Laurent a Karl Lagerfeld, passando per Sonia Rykiel e Jean Paul Gaultier.  

Vi presentiamo alcuni suoi lavori realizzati a Parigi negli anni ‘80.

Vladimir Sychev. Karl Lagerfeld e Helmut Newton

Vladimir Sychev. Karl Lagerfeld

Vladimir Sychev. Karl Lagerfeld

Vladimir Sychev. Karl Lagerfeld

Vladimir Sychev. Karl Lagerfeld 

Vladimir Sychev. Yves Saint Laurent

Vladimir Sychev. Yves Saint Laurent e Pierre Bergé

Vladimir Sychev. Yves Saint Laurent e Pierre Bergé

Vladimir Sychev. Yves Saint Laurent

Vladimir Sychev. Sonia Rykiel 

Vladimir Sychev. Sonia Rykiel 

Vladimir Sychev. Sonia Rykiel 

Vladimir Sychev. Kenzo Takada

Vladimir Sychev. Kenzo Takada 

Vladimir Sychev. Jean-Paul Gaultier 

Vladimir Sychev. Lulu de la Fale 

Vladimir Sychev. Munia 

Vladimir Sychev. Munia

I suoi scatti sono ora esposti nella mostra “Great Couturiers of Bygone Era” allestita nella sala espositiva di Rosfoto fino al 16 febbraio 2020. Oltre alle foto, l’esposizione presenta costumi e gioielli dell'età d'oro dell'industria della moda degli anni ‘60-’80, creati appositamente per la casa di moda Chanel.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie