“La Puglia abbraccia la Russia”, un concerto lirico ribadisce la grande amicizia tra le due terre

Si è tenuto a Trani, organizzato dall’“Associazione Puglia-Russia” e ha visto una grande risposta di pubblico

Un abbraccio musicale per stringere i rapporti tra la Puglia e la Russia. Questo è stato il concerto di musica lirica che si è tenuto a Trani, con sul palco del Museo Diocesano la soprano Carmen Lopez (pugliese di Margherita di Savoia) e la collega Liliya Krasnova, di San Pietroburgo. Accompagnate dal maestro pianista Pasquale Somma, si sono esibite subito dopo l’esecuzione degli inni nazionali di Russia e d’Italia, davanti a un pubblico vasto e a numerose autorità.

Il concerto “La Puglia abbraccia la Russia” fa parte della vasta serie di eventi che l’“Associazione Puglia-Russia”, presieduta dall’avvocato Giovanni Giuliano, organizza periodicamente da circa undici anni per promuovere e far conoscere tutto ciò che riguarda la Federazione Russa in Italia.

L’opera lirica in Russia è molto diffusa e apprezzata, e molti sono i giovani che vi si avvicinano. Il concerto di Trani è stato così un confronto tra le due scuole di canto lirico, quella russa e quella italiana, con l’auspicio di una futura maggiore interazione e cooperazione anche in campo musicale.

Ma, come evidente fin dalla scelta del titolo del concerto, si è voluto creare un abbraccio ideale, un ponte tra la Puglia e la Russia, per sviluppare e consolidare i rapporti di amicizia e di cooperazione ben al di là della sola musica, in un’ottica di maggiore comprensione, benevolenza e fratellanza tra i popoli.

L’evento culturale, che si è tenuto la sera del 6 aprile, ha ricevuto il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Barletta-Andria-Trani, e dell’Amministrazione comunale delle Città di Trani, Trinitapoli e Margherita di Savoia.

 

La compagnia aerea S7 raddoppia i voli verso Bari 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie