Sette film che raccontano le tensioni tra Russia e Usa dopo la Guerra fredda

Donovan Marsh/Original Film, 2018
Con il crollo dell’Urss, il paese ha smesso di essere il “nemico numero uno" nei film di Hollywood. Ma ciò non ha impedito ai registi occidentali di enfatizzare ogni tipo di stereotipo russo per i loro blockbuster

GoldenEye (1995)

GoldenEye è stato il primo film di James Bond realizzato dopo il crollo dell’Urss e la fine della Guerra fredda. Ma nella mente dei registi di Hollywood, la minaccia russa era ancora molto presente.

In questo film James Bond ha un nuovo e pericoloso nemico da affrontare. Aiutato dalla malavita russa, il suo nemico ha rubato un elicottero top-secret e un’arma letale con la quale cerca di distruggere l’Occidente. Solo Bond può evitare la catastrofe. 

Allarme rosso (1995)

Siamo nella metà degli anni Novanta e la Russia, al centro di una grave crisi economica e politica, sta lentamente scivolando verso la guerra civile. Gli Stati Uniti guardano con preoccupazione le armi nucleari in questo paese in balia del caos. La minaccia di una guerra nucleare incombe su larga scala...

Il santo (1997)

Eccoci di nuovo negli anni Novanta, con la Russia al centro di una grave crisi. I moscoviti stanno morendo di freddo nelle loro case prive di riscaldamento e un oligarca, Ivan Tretyak, sta cercando di cacciare il debole presidente Karpov. Solo uno scienziato e un ladro professionista saranno in grado di fermare il pericolo...

Air Force One (1997)

La guerra fredda è finita e la Russia si rivela un fidato alleato degli Stati Uniti. Ma il generale kazako Radek sogna di poter riportare in vita l’Unione Sovietica.

Peacemaker (1997)

Secondo Hollywood, ogni criminale “degno di questo nome” deve come minimo cercare di rubare una bomba nucleare nella Russia post-sovietica. In questo film il generale Kodoroff sfrutta ogni occasione per portare a termine la sua missione. 

Ovviamente l’unica persona che può fermare il generale russo è il colonnello americano Thomas Devoe, che intraprende un viaggio in una Russia sconosciuta e pericolosa. 

Al vertice della tensione (2002)

Al giovane analista della CIA Jack Ryan viene affidata una missione molto pericolosa: deve mettersi sulle tracce di una bomba atomica di cui si erano perse le tracce 30 anni prima, e rispuntata in quei giorni. La bomba rappresenta una grossa minaccia per gli Stati Uniti e i maggiori sospetti portano alla Russia.

Mission: Impossible - Protocollo fantasma (2011)

Un terrorista di nome Cobalt compie un attentato terroristico al Cremlino. E i russi incolpano gli Stati Uniti e l’agente americano Ethan Hunt. Come sempre, i due paesi finiscono sull’orlo di una guerra. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie