Ecco cinque marchi russi di streetwear per un ottimo shopping online

Outlaw Moscow
La Russia è ultimamente diventata la capitale di questo stile e, con i nostri consigli, vestirete in modo non scontato e un po’ più colorato

1. Outlaw Moscow

Specializzato in piumini di alta qualità, stivali, giubbotti militari e cappotti, l’abbigliamento ispirato alle tute da sci di Outlaw mette in mostra un minimalismo raffinato e invernale che rifiuta la vistosità che associamo spesso agli abiti degli stilisti. Ma in contrasto con la maggior parte delle altre etichette russe del suo genere, Outlaw non ha paura di produrre vestiti colorati, dimostrando che incorporare un’influenza vivace e multiculturale non va per forza a discapito della naturale grinta dello streetwear.

La raffinata sportività di Outlaw ha guadagnato al marchio diverse collaborazioni, tra cui quella con Puma, con i nomi di entrambi i marchi orgogliosamente esposti in Cirillico sui capi. Anche la stella britannica del grime Skepta è un fan di questa marca.

www.outlaw.ru

2. Krakatau

Le sobrie ed eleganti giacche a vento di questo marchio di San Pietroburgo sono un sogno per le persone che amano la praticità, e potrebbero dare del filo da torcere a marchi come Patagonia o The North Face. Usando come motto la definizione “Antagonist survival kit”, questa etichetta può vantare capi funzionali e versatili di streetwear, con tanto di cappucci regolabili, una serie di tasche nascoste e tessuti impermeabili.

Ispirati ai futuristici dintorni di Mosca e San Pietroburgo, i design sobri e raffinati di Krakatau sono la risposta perfetta all’inverno nella Russia urbana. La loro serie di collaborazioni fotografiche con Zaha Hadid Architects, dopo tutto, non è nata senza una buona ragione.

www.krakatauwear.com

3. Sputnik 1985

Con umili origini da azienda che stampava le immagini serigrafate sulle magliette e le vendeva online, Sputnik 1985, con sede a Mosca, fonde oggi lo stile con un tocco fai-da-te. Da quando è diventato di moda, il marchio si è ramificato per offrire ogni tipo di T-shirt, maglione, giacca a vento e accessorio disponibile, ma ha mantenuto la sua semplicità nel corso degli anni, e per la maggior parte, limita il design alle rappresentazioni della cultura della classe operaia russa degli anni Novanta (che si tratti di pugili, immaginario della vita carceraria o programmi televisivi cult) e con dichiarazioni ironiche e brucianti, come “La città è una forza spaventosa” o “Sarò sempre contro”.

Fedele alla forma, i vestiti di Sputnik sono anche “democratici” (cioè economici), con la maggior parte delle magliette che costano 1.500 rubli (19,70 euro). È streetwear per il popolo.

www.sputnik1985.com

4. Volchok

Il marchio, che sostiene di “raccontare la storia del gotico russo”, è forse il fornitore più riconoscibile del brutalismo della moda russa. Combinando tagli semplici e puliti con l’estetica nichilista della cultura punk, le magliette e le felpe di Volchok stanno da dio con un paio di Vans o New Balance, che sono diventate un look un accessibile e popolare in Russia. In parte grazie all’apprezzamento di vari rapper e punk rocker russi, il marchio vanta ora decine di negozi in tutta la Russia, dove gli acquirenti possono acquistare magliette per soli 1.400 rubli (18,40 euro).

www.volchok.ru

5. AFour

La società di scarpe artigianali AFour, con sede a San Pietroburgo, forse realizza le scarpe più ingiustamente sottovalutate al mondo. Quelle in cuoio, con materiale italiano e russo, sono davvero di alta qualità. Quelle sportive, con le alte suole in gomma in stile New Balance e un cenno alle radici skateboard del marchio, hanno una rotondità elegante e semplice, con un ritorno al passato degli anni Novanta. Inoltre, le sneaker Afour sono piacevolmente colorate, con una qualità espressiva che le grandi marche di sneaker avrebbero difficoltà a replicare: e potete persino progettare le vostre sneaker sul loro sito web!

www.afourcustom.ru

Il passamontagna ora è di moda: guardate questa collezione russa 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie