Dieci designer russi che fanno concorrenza a quelli occidentali

In Russia c’è una generazione di giovani che progetta mobili e oggetti di interior design con sottotesti filosofici, maestria estetica, eccellenza di materiali, e, ovviamente, un tocco tipicamente nazionale

Pannelli acustici Eoacoustic

Questi pannelli sono stati realizzati dai design Tanja e Misha Repin con aghi di abete. I progettisti lavorano nel campo dell’eco-design e hanno deciso di creare una sorta di sostituto del sughero. I loro pannelli possono essere usati come rifinitura per le pareti o come schermi acustici. Gli aghi sono trattati con una sostanza che li rende ignifughi, e il materiale è assolutamente nello spirito green sempre più di moda. I pannelli non solo assorbono il suono, ma, grazie ai terpenoidi contenuti negli aghi, hanno anche un effetto positivo sul benessere umano, e danno la sensazione di trovarsi nel bel mezzo di una foresta di abeti.

Panca Parametric

Il designer Oleg Soroko applica il parametricismo (il modellare oggetti di forme organiche al computer tipico del postmodernismo in architettura) per creare mobili insoliti. In fase di progettazione, utilizza 3D e script realizzati appositamente per un compito specifico. Poi i dettagli sono intagliati (usa il compensato). Alla fine, l’oggetto viene assemblato manualmente. Il risultato sono cose spettacolari e insolite. Il pezzo principale della collezione di Oleg, che è commercializzato con il brand After-Form, è la panca Parametric. La collezione comprende anche tavoli e scaffali. Gli elementi After-Form sono spesso utilizzati in progetti urbanistici.

Sedie: un omaggio all’avanguardia

La designer Anna Titova guarda al patrimonio creativo delle avanguardie russe e alla famosa opera lirica futurista “Pobeda nad Solntsem” (“Vittoria sul sole”), alle cui scenografie nel 1915 lavorò Kazimir Malevich. Il padre del suprematismo creò una serie di costumi a cui fa riferimento la collezione di Anna: comprende otto sedie, ciascuna delle quali corrisponde a uno dei personaggi: “Operaio”, “Nemico”, “Malintenzionato”, “Codardo”, “Uomo nuovo”, “Ciccione”, “Attaccabrighe”, “Molti e uno”.

Vasi “Sobor”

I designer di San Pietroburgo Nasya Kopteva e Sasha Braulov (studio 52 FACTORY) creano oggetti poetici che esaltano la bellezza della terra russa. Ad esempio, la collezione di vasi “Sobor” (“Duomo”) è dedicata all’architettura delle chiese del nord russo e all’architettura in legno. Questi vasi transformer sono assemblati sul principio della piramide. I dettagli sono scolpiti in vetro acrilico e possono essere scambiati. Ci sono modelli a forma di chiesa, campanile e cappella; tutte immagini archetipiche dell’architettura religiosa russa.

Oggetti per donne “Katerina”

La collezione di Jaroslav Misonzhnikov “Katerina” è dedicata alla nonna del designer. Lei viene dalla regione di Vologda, e Jaroslav si è rivolto alle tradizioni della regione e ai suoi mestieri unici, in particolare, al pizzo di Vologda. La collezione Katerina comprende articoli per la casa e per la donna: uno specchio, un ventaglio e un pettine. Lo specchio è decorato con pizzi all’uncinetto: è così che sono stati realizzati a Vologda per più di un secolo (il designer ha trovato un esemplare nel museo locale). Il lavoro manuale ha una densità diversa, che crea un effetto sfumato, una sottile transizione di colore e rilievo.

Poltrona Lympho-chair

Il background del designer di Tomsk Taras Zheltyshev è rappresentato dalle facoltà di Medicina e di Design. Disegna mobili ispirati… al corpo umano. Taras ha concepito la collezione MicroWorld alcuni anni fa, e quest’anno ha realizzato il primo “singolo”: la Lympho-chair, a forma di linfocita; le cellule del sistema immunitario. Il rivestimento è in feltro. Se necessario, è sfoderabile e lavabile. Taras afferma che la sedia non solo resta impressa per il design insolito, ma ha anche un effetto terapeutico: grazie alla tappezzeria piacevole al tatto e alla forma sferica, provoca associazioni con il calore umano e la comprensione reciproca.

Stitched Wood

La designer Anastasia Koshcheeva è diventata famosa per aver ideato una collezione di oggetti di interior design in corteccia di betulla. Un altro sviluppo interessante è il materiale Stitched Wood: gli strati di legno curvato sono fissati senza colla, e cuciti come coperte trapuntate. Si ottiene una singola tela (è possibile dargli qualsiasi forma e dimensione), allo stesso tempo flessibile e resistente. Anastasia suggerisce di usarla per creare tessuti per interni, decorazioni per pareti e design di mobili.

Carta da parati di Natalja Pivko

L’artista grafica di San Pietroburgo Natalja Pivko crea carte da parati realizzate a mano con disegni insoliti e fatati. Le disegna con un programma speciale sul tablet e quindi le stampa su carta. I critici vedono nei suoi lavori riferimenti al Rinascimento e alle tele di Bosch. Inizialmente la designer di carte da parati ha ideato il progetto Methamorphozez Pornbachcontemporary, raffigurante il mondo dei trofei di caccia del castello bavarese di Pornbach. E di recente, Natalja ha iniziato a realizzare stampe su cartone e ad inserirle in cornici anch’esse da lei disegnate. I rilievi spettacolari che completano l’immagine sono modellati in gomma.

Tappeti “Tapis Rouge”

Recentemente, il marchio Tapis Rouge, che sostiene i designer russi, ha realizzato una serie di tappeti disegnati dalla decoratrice Angelina Askeri. L’ispirazione viene dritta dall’era dell’avanguardia e del costruttivismo: Angelina ha elaborato 12 disegni che possono essere associati al lavoro di Malevich e di Aleksandra Exter. La gamma cromatica è quella dei colori pastello ora di moda. Tutti i modelli sono realizzati a mano in Nepal.

Paravento Smooth

Il progetto Fors Furniture è in piedi da appena un anno, ma ha già fatto in tempo a occupare un posto importante nel panorama del design russo. Il know-how del progetto consiste nella maestria artigianale, ed è un analogo del francese “artisanat”, un istituto che conserva con cura la tradizione di lavorare con materiali rari e preziosi. Dietro al progetto ci sono Valerij Triputa, Sonja Fesenko e Ivan Basov. L’anno scorso hanno prodotto il paravento Smooth, progettato da Ivan. Si compone di diverse sezioni multicolore, realizzate sotto forma di… tavole da surf. I legni utilizzati sono wengé e acero, con inserti impiallacciati a contrasto. La collezione Smooth è in crescita: comprende già tavoli, console e scaffali.

Avete poco spazio? Quattro idee russe di design per vivere compatti 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie