A Vicenza una mostra sul Settecento veneto con i capolavori del museo Pushkin di Mosca

Reuters
L’esposizione "Il Trionfo del Colore. Da Tiepolo a Canaletto e Guardi”, curata da Stefano Zuffi e Viktoria Markova, presenta 57 opere dell’arte veneta del Settecento, molte delle quali di proprietà del celebre museo moscovita. Dal 23 novembre al 10 marzo

I capolavori dell’arte veneta del Settecento, patrimonio del museo Pushkin di Mosca, tornano a casa. Dal 23 novembre 2018 al 10 marzo 2019 Vicenza ospita la mostra "Il Trionfo del Colore. Da Tiepolo a Canaletto e Guardi. Vicenza e i Capolavori dal Museo Pushkin di Mosca".
L’esposizione riporterà in Italia alcuni dipinti come il celebre “Ritorno del Bucintoro all’approdo di Palazzo Ducale” di Canaletto, ma anche tele di Guardi, Tiepolo e Bellotto, che fanno parte della collezione del Pushkin. A questi quadri si aggiugeranno le opere dei Musei civici di Vicenza e quelle delle Gallerie d’Italia.
L’esposizione, curata da Stefano Zuffi e Viktoria Markova, sarà allestita in due luoghi della città: Palazzo Chiericati, sede dei Musei civici e Palazzo Leoni Montanari, sede di una delle tre Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo.
Nelle due sedi sarà possibile ammirare 57 opere, di cui 25 di proprietà del museo russo, 23 della collezione dei Musei civici e 9 provenienti dalla collezione delle Gallerie d’Italia. Un viaggio alla scoperta del Settecento veneto, dai paesaggi veneziani di Canaletto ai colori inconfondibili di Giambattista Pittoni.
“Sarà una mostra di capolavori – ha detto il curatore Zuffi -, che trasformerà Vicenza nella capitale del Settecento veneto”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie