L’Ermitage ricorre all’utilizzo dei droni per proteggere il proprio patrimonio artistico

Getty Images

Il Museo Ermitage di San Pietroburgo, che ospita una delle più importanti collezioni d'arte del mondo, sta lavorando al potenziamento del proprio sistema di sicurezza per garantire la tutela dell’inestimabile patrimonio artistico custodito nelle sue sale.
L’Ermitage ha firmato un accordo con l’Università statale di San Pietroburgo per l’Aviazione Civile, che fornirà al museo degli speciali droni hi-tech.
I droni saranno utilizzati per monitorare il museo dall’alto e tenere in questo modo alla larga possibili ladri.
“La folla che si accalca ogni giorno nel museo potrebbe essere paragonata a quella che caratterizza gli aeroporti delle grandi città russe”, hanno fatto sapere i portavoci del museo. Quindi, hanno concluso, è rassicurante avere degli “amici meccanici” che volano in cielo per proteggere l’edificio e le opere d’arte in esso contenute.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie