Storie italiane, il festival che porta in Russia le commedie del Belpaese

Una scena tratta dal film “Smetto quando voglio”

Una scena tratta dal film “Smetto quando voglio”

Ufficio stampa
Si aprirà il 14 giugno e presenterà al pubblico della Federazione gli ultimi film di Ficarra e Picone e di altri talenti cinematografici italiani

Su Mosca quest’estate splenderà il sole dell’Italia. Il 14 giugno si aprirà il festival cinematografico della commedia italiana “Italyanskie istorii” (storie italiane). Da Mosca a Yaroslavl, da San Pietroburgo a Tomsk, varie città della Russia proietteranno nei propri cinema le prime in Russia di alcune tra le più divertenti commedie all’italiana di oggi.
Ad aprire la kermesse, la commedia “Smetto quando voglio - Masterclass” (2017) diretta da Sydney Sibilia e con l’attore Edoardo Leo, che racconta la storia di un “gruppo di brillanti ricercatori universitari che tentano di uscire dall'impasse lavorativa ed esistenziale della precarietà cronica, producendo e spacciando smart drugs”.
Il pubblico russo avrà un’ottima occasione per ridere anche con la commedia “L’ora legale” (2017) di Salvatore Ficarra e Valentino Picone, vincitrice del Nastro d'argento alla miglior commedia e del Nastro d'argento al miglior produttore.
Il 15 giugno al cinema KARO 11 Oktyabr di Mosca si terrà un incontro con il critico cinematografico Vsevolod Kornushov.
Il 12 luglio si svolgerà invece la prima della commedia “Un paese quasi perfetto” (2016), scritto e diretto da Massimo Gaudioso, con Fabio Volo e Silvio Orlando.
In cartellone ci sarà anche la commedia di Gianluca Ansanelli “Troppo napoletano” (2016). L’attore Gennario Guazzo che interpreta questo film ha ottenuto il riconoscimento di Mosca con il premio per il Miglior Attore dell’Anno assegnato dal RIFF (Russia-Italia Film Festival).
Per conoscere gli orari delle proiezioni e i cinema coinvolti, cliccate qui

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie