Quella ragazza prodigio resa immortale dai suoi dipinti e dall’amore del padre

Vladimir Vdovin/Sputnik
Nadya Rusheva era solo una ragazzina quando è morta. Oggi avrebbe compiuto 66 anni. Ma dal giorno della sua scomparsa il padre ha conservato e promosso l’eredità artistica della figlia, pittrice di talento, organizzando mostre in vari paesi del mondo e pubblicando un libro in suo ricordo

Il padre di Nadya Rusheva era un uomo di teatro. E mai avrebbe immaginato che un giorno sarebbe arrivato a spendere tutti i propri risparmi per promuovere l’eredità artistica della figlia 

Da giovane, Nikolaj Rushev fu invitato a lavorare al Teatro musicale siberiano di Tuva. Lì conobbe la sua futura moglie, la prima ballerina della storia di Tuva, Natalia Ajikmaa. Nel 1950 si trasferirono in Mongolia, nella città di Ulan-Bator

Nel 1952 nacque Nadya, e subito dopo l’arrivo della bambina la famiglia si trasferì a Mosca. All’età di cinque anni, la bimba iniziò a disegnare 

I genitori erano soliti leggerle diversi libri. E in varie occasioni Nikolaj ricordò la volta in cui, leggendoe una favola di Pushkin, la piccola Nadya cercò di realizzare 35 illustrazioni di quella storia 

Nel 1964 alcuni lavori della giovane Nadya vennero pubblicati sulla rivista sovietica Yunost (giovinezza). Altri suoi quadri vennero poi esposti non solo a Mosca, ma anche a Leningrado, in Polonia, Romania e India 

Nadya realizzò illustrazioni per “Evgenij Onegin”, “Guerra e pace”, “Il Maestro e Margherita” e altri romanzi 

Qualche anno dopo vennero alla luce 400 bozze e disegni 

Questi lavori impressionarono anche la moglie di Mikhail Bulgakov, Elena, che apprezzò soprattutto le illustrazioni de “Il Maestro e Margherita” 

Nadya desiderava inoltre realizzare illustrazioni per le opere di Mikhail Lermontov, Aleksandr Blok e William Shakespeare. Ma il 6 marzo 1969, andando a scuola, Nadya perse conoscenza e morì a seguito di un’emorragia cerebrale 

Era una studentessa umile e tranquilla. E il 31 gennaio di quest’anno avrebbe compiuto 66 anni. Suo padre ha conservato con orgoglio e tenerezza l’eredità artistica della figlia, organizzando mostre in vari paesi del mondo e pubblicando un libro in suo ricordo

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie