Accadde oggi: 111 anni fa nacque Dmitrij Likhachyov, tra i maggiori studiosi di cultura russa

Yurij Pilipenko/Global Look Press
Scrisse più di 500 opere scientifiche dedicate alla storia della letteratura e della cultura di questo Paese

Il famoso accademico Dmitrij Likhachyov, tra i più grandi studiosi di letteratura e cultura russe, nacque in una famiglia di ingegneri a San Pietroburgo il 28 novembre 1906. Il suo percorso di studi iniziò in una scuola zarista e si concluse in un istituto sovietico, dopo la Rivoluzione del 1917. 

Nel 1928, mentre frequentava l’Università statale di Leningrado, venne condannato a cinque anni per aver partecipato a un gruppo letterario studentesco chiamato l’Accademia cosmica delle Scienze per le attività controrivoluzionarie. Il suo primo lavoro, “I giochi delle carte criminali”, fu scritto e pubblicato nel giornale locale del campo di prigionia di Solovki. 

Nel 1932 fu rilasciato e fece finalmente ritorno a Leningrado, dove lavorò come editore. Likhachyov concentrò i suoi studi prevalentemente sulla letteratura russa antica. Durante l’assedio di Leningrado fu evacuato a Kazan, dove continuò a portare avanti i propri studi. 

Nel 1946 iniziò a lavorare all’Università statale di Leningrado come insegnante, prima di assumere la cattedra di professore. Nel 1970 divenne accademico presso l’Accademia delle Scienze sovietica.

Likhachyov scrisse oltre 500 lavori di ricerca e più di 600 pubblicazioni dedicate alla letteratura russa antica. Fu anche un attivista pubblico e leader spirituale dell’intellighenzia russa.

Morì il 30 settembre 1999 a San Pietroburgo.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie