Russia e Italia puntano su arte, cultura e istruzione

Aleksandr Zemlyanichenko/TASS
Firmato tra i due Paesi un accordo di cooperazione a San Pietroburgo. A mettere la firma, l’associazione nazionale Case della Memoria e l'associazione russa dei Musei e delle Collezioni Musicali. “Si aprono le porte a nuove prospettive di collaborazione”

Cultura, arte e istruzione, ponti tra Paesi. Nell’ambito del sesto International Cultural Forum di San Pietroburgo è infatti stato siglato un accordo tra Italia e Russia finalizzato a migliorare e rafforzare i rapporti di cooperazione. A mettere la firma, nella capitale russa della cultura, l’associazione nazionale Case della Memoria e l'associazione russa dei Musei e delle Collezioni Musicali. A siglare l’accordo, i presidenti delle due associazioni, Adriano Rigoli e Mikhail Bryzgalov, direttore anche del Museo Glinka di Mosca.

Alla firma erano presenti il vicepresidente dell’associazione Nazionale Case della Memoria Marco Capaccioli, Olga Strada, direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca e Gabriele Rossi Rognoni, presidente di CIMCIM, il comitato tematico internazionale di ICOM per le collezioni di strumenti musicali.

Obbiettivo dell’accordo è rendere ancora più saldi i rapporti di amicizia e collaborazione tra Italia e Russia nell’ambito della promozione della cultura, dell'istruzione e dell'arte. Questo, attraverso mostre e progetti volti a promuovere lo scambio di informazioni e di esperienze nel campo della conservazione e del restauro di beni culturali. 

“L’accordo ha aperto le porte a nuove prospettive di collaborazione fra Italia e Russia – spiega Adriano Rigoli –. Il 2018 vedrà l'Italia come ospite d'onore all'International Cultural Forum a San Pietroburgo e sarà l'anno delle Russian Cultural Seasons in Italy. Per questo motivo stiamo già lavorando a un progetto comune che valorizzi le Case della Memoria italiane e le presenti al turismo russo, un turismo lento, attento e intelligente”.

“Il Forum di San Pietroburgo – spiega Marco Capaccioli –, è stata anche l’occasione per presentare alla rete russa il progetto dei Percorsi d’Autore. Si tratta di una serie di itinerari tematici attraverso la visita alle case dei Grandi Personaggi di Croazia, Germania, Grecia, Italia, Olanda, Portogallo, Russia, Spagna e Ungheria. Il progetto partirà in Italia nei prossimi mesi per poi estendersi agli altri partner a livello europeo”.

L’accordo integra il Protocollo d’Intesa “Per la collaborazione delle Case Museo e delle Case della Memoria in Europa”, siglato a Firenze il 16 maggio 2015 che vede come firmatari i rappresentanti delle reti di case museo e delle case museo stesse provenienti da otto Nazioni europee: Portogallo, Spagna, Italia, Croazia, Olanda, Germania, Ungheria, Russia a cui nel 2016 si è aggiunta la Grecia.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie