Ecco come la propaganda sovietica poteva manipolare le foto

: Arthur Bondar
Speciali artisti realizzavano montaggi perfetti, spesso colorati. Molti sono finiti distrutti dopo il crollo dell’Urss, ma i collezionisti hanno salvato alcuni di questi collage

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Questi fotomontaggi, raffiguranti eventi della Seconda guerra mondiale, rappresentano uno degli strumenti più comuni della propaganda sovietica.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Preoccupati allo stesso tempo dalla guerra e dalla necessità di sostenere le forze armate e di mostrare i muscoli, le autorità vedevano nella propaganda un modo per ridurre l’ansia tra le file del popolo e di aumentare il suo spirito combattivo.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

In questo senso, la propaganda lavorava come un “terzo fronte” per sconfiggere il nemico, infondendo fiducia nell’esercito e lodando gli alleati.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Questi collage di foto, lunghi da 15 centimetri fino a 1 metro, sono come apparivano realmente sui giornali andati in stampa.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Durante la guerra nessuno poteva arrivare al fronte in assenza di una speciale autorizzazione scritta. Senza, qualunque persona con una macchina fotografica poteva essere penalmente perseguita.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Le immagini dei “fortunati” fotografi inviati a scattare foto della guerra finivano sempre sul tavolo dell’Ufficio di informazione sovietico, un’agenzia incaricata di coprire gli eventi internazionali, gli accadimenti militari e la vita quotidiana attraverso giornali e radio.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Dopo aver passato rigorose censure e manipolazioni, diverse foto venivano unite in una sorta di patchwork e colorate con guazzo e inchiostro. Veniva chiamato “ritocco artistico” ed era fatto da persone diplomate in arte.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Il passo successivo era quello di copiare e inviare le immagini manipolate alla stamperia. Le foto sul giornale apparivano unite, senza alcuna traccia di montaggio o manipolazione.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Pochissimi esempi di questa “arte” possono essere ancora visti ai giorni nostri. Con il crollo dell’Unione Sovietica, molti giornali sono stati chiusi e il loro materiale è stato perso o mandato al macero.

Fonte: Arthur BondarFonte: Arthur Bondar

Fortunatamente, alcuni fotomontaggi sono sopravvissuti grazie a collezionisti privati, e ora questi rari esempi fanno capire quanto sia facile cambiare radicalmente il significato anche delle foto più “veritiere”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale