Come sarebbe Despacito se fosse una canzone russa? Sette Cover

Despacito

Despacito

: Screenshot/LuisFonsi/VEVO
Il successo globale di questa hit la rende anche molto parodiata. In Russia l’hanno rielaborata in versione femminista, puritana, con la balalaica, con l’ukulele

Fonte: Screenshot/LuisFonsi/VEVOFonte: Screenshot/LuisFonsi/VEVO

Despacito ha superato i tre miliardi di visualizzazioni su YouTube, surclassando anche il tormentone del 2012 del coreano Psy, il mitico Gangnam Style, il cui record sembrava difficilmente battibile.

Klava Koka è una popolare (e affascinante) cantante russa che ha fatto una cover di questa melodia latinoamericana, seppur cambiando un po’ il senso, cantando un amore puro e chiedendo a un uomo di avvicinarsi a lei lentamente (despacito, appunto).

Pensate che non sia possibile suonare una canzone portoricana con la balalaica, lo strumento tradizionale russo? Invece, si può! Guardate questo video, ma prima sedetevi, non vogliamo che vi facciate male mentre vi scatenate in una danza sensuale.

MC Zali & Kamil si sono accorti che “Despacito” suona abbastanza simile a “spasibo”, “grazie” in russo, e così hanno intitolato la loro cover.

Pavel Popov ha realizzato un breve video, in cui ha cercato di tradurre il testo della canzone e ha usato il suo cane come… corista. Chissà se Fonsi immagina che la sua hit la può cantare anche un cane.

Ekaterina Serebrjanskaja, probabilmente dopo aver visto la versione con la balalaica, ha deciso di farne una con l’ukulele. Ecco il risultato:

Nila Manila si è arrabbiata con Fonsi, quando ha tradotto il testo della canzone, perché ritiene che lui veda la donna solo come un oggetto sessuale. Così ha deciso di registrare una versione “femminista” (o forse “puritana”) di Despacito.

Khaustov stona parecchio ed è in grossa difficoltà sulle note alte. Non è probabilmente la migliore cover russa di Despacito, ma bisogna ammirare il coraggio.

Bonus track

E per lasciarvi con un mood festivo, vi suggeriamo di guardare il video di questo flashmob organizzato nel corso del Festival Reggaeton di Mosca (sì, esiste). Potrete ballare al ritmo di Des-pa-ci-to (o di spasibo-spasibo, se preferite)!

 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale