Dieci citazioni che vi faranno amare ancora di più Cechov

Nel giorno in cui ricorre il 155esimo anniversario della nascita del grande scrittore russo, Rbth vi ripropone alcuni aforismi tratti dai suoi libri e dalle sue lettere

Medico e uomo di lettere. Scrittore e drammaturgo, autore di opere teatrali che rimasero nella storia. Terzo di sei figli, Anton Cechov nacque il 29 gennaio 1860 in una famiglia di umili origini. In occasione dell’anniversario della sua nascita, Rbth vuole rendere omaggio al genio russo riproponendo alcuni tra gli aforismi più famosi nati dalla sua penna.

Foto d'archivio

La medicina è la mia legittima sposa, mentre la letteratura è la mia amante: quando mi stanco di una, passo la notte con l'altra

Anton Cechov e Maksim Gorky (Foto d'archivio)

Perfino essere malato è piacevole quando sai che ci sono persone che aspettano la tua guarigione come una festa

Foto d'archivio

In una sciocchezza c'è assai più vitalità e più salute che nei nostri sforzi per giungere ad una vita di meditazione

Foto d'archivio

Non permettere alla lingua di oltrepassare il pensiero

Anton Cechov con Olga Knipper (Foto d'archivio)

Se temete la solitudine non sposatevi

Foto d'archivio

L'intelligente ama istruirsi, lo stupido istruire

Foto d'archivio

L'uomo è ciò in cui crede

Foto d'archivio

È più facile chiedere ai poveri che ai ricchi

Anton Cechov e Lev Tolstoj (Foto d'archivio)

Il pidocchio delle piante mangia l'erba, la ruggine il ferro, la menzogna l’anima

Foto d'archivio

In generale una frase, per bella e profonda che sia, agisce soltanto sugli indifferenti, ma non sempre può appagare chi è felice o infelice; perciò, suprema espressione della felicità o dell'infelicità appare più spesso il silenzio

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta