Khvorostovsky, il canto dell'anima

Il baritono russo Dmitri Khvorostovsky (Foto: Itar-Tass)

Il baritono russo Dmitri Khvorostovsky (Foto: Itar-Tass)

Il “baritono d’oro" di Russia, nel suo ultimo concerto in patria prima della Pasqua ortodossa, ha presentato i suoi cavalli di battaglia legati alla musica sacra

Il 27 aprile 2013, una settimana prima della Grande Festa della Santa Pasqua che i cristiani ortodossi celebrano il 5 maggio, a Mosca ha tenuto un concerto Dmitri Khvorostovsky.

Il “baritono d’oro” di Russia ha presentato un programma composto da canti ortodossi ed opere religiose dei compositori russi, nonché da canzoni popolari russe. Al programma chiamato “La musica dell’anima e del cuore” ha partecipato il collettivo artistico “Maestri di canto corale” di Mosca.

Dmitri Khvorostovsky, residente in Gran Bretagna, si esibisce con frequenza in Patria, soprattutto negli ultimi tempi. "Prima mi sembrava che dovessi conquistare un numero sempre maggiore di Paesi e popoli. Ma ora, raggiunto questo scopo, ho capito che la cosa più importante per me è cantare per i miei connazionali", ha affermato.

Il pubblico apprezza in modo particolare il repertorio dell’artista, legato al ricordo storico dei russi. Così fu, per esempio, con lo spettacolo “Canzoni del tempo di guerra”, in cui furono eseguite delle melodie composte negli anni della Seconda Guerra Mondiale o nate come ricordo della vittoria del popolo sovietico nella guerra contro la Germania nazista.

Nel repertorio di Khvorostovsky è stabilmente presente anche la musica sacra. Ha registrato un disco con il coro dei “Maestri di canto corale”, uno dei primi cori russi di professionisti, che nel 2013 compie 85 anni.

Il programma “La Musica dell’anima e del cuore” comprende anche opere religiose dei compositori russi Arkhangelsky, Chesnokov, nomi noti prevalentemente a un pubblico esperto.

A giugno 2013 è atteso un nuovo concerto di Dmitri Khvorostovsky nella capitale russa: questa volta si esibirà in Piazza Rossa.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta