I kurabiye, i biscottini di pasta frolla a forma di fiore con un morbido cuore di marmellata

Viktoria Drej
Questi dolcetti arrivano da molto lontano, e hanno trovato posto nella tradizione culinaria sovietica. Ecco la ricetta per prepararli a casa vostra

Secondo la leggenda, la ricetta dei biscotti kurabiye sarebbe stata inventata molto tempo fa, nel vicino oriente, dal servo di un sultano persiano; la parola kurabiye deriverebbe infatti da un termine turco o arabo che significa “biscotto esotico”. 

Questo dolcetto può avere diverse forme, ma la più diffusa è quella a “fiore”. La versione originale prevedeva una cascata di spezie, come cannella, chiodi di garofano, vaniglia naturale e zafferano. Ma per rendere la produzione più economica, i pasticceri sovietici decisero di eliminare gli ingredienti più costosi, sostituendoli con un cucchiaio di zucchero vanigliato. 

La ricetta ottenne talmente successo che ne ricavarono un GOST (Gosudarstvenny Standart, in russo “standard statali”), acronimo con il quale in epoca sovietica si indicava una ricetta standard preparata sulla base delle indicazioni governative. I biscottini iniziarono così a circolare in tutto il paese con il nome di "Baku kurabiye", perché gli ingredienti e la forma ricordavano dei tipici dolcetti della tradizione culinaria azerbaigiana (Baku è la capitale dell’Azerbaigian, ndr).

Oggi i kurabiye si possono acquistare in molte pasticcerie e negozi di alimentari. Ma molti preferiscono prepararli a casa, anche perché la ricetta è davvero facile e richiede pochi ingredienti. Volete provarli anche voi? 

Ingredienti: 

  • 140 gr di farina comune
  • 40 gr di zucchero a velo
  • 1 albume d'uovo
  • 90 gr di burro
  • 1 cucchiaino di zucchero vanigliato o estratto di vaniglia
  • 1/3 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • 3 cucchiai di marmellata 

Preparazione: 

Con l’aiuto di un frullatore, sbattete in una ciotola il burro ammorbidito, lo zucchero a velo, lo zucchero vanigliato (o estratto di vaniglia) e il pizzico di sale, fino a ottenere un composto morbido e liscio.

Successivamente aggiungete l’albume d’uovo e sbattete ad alta velocità per circa 3-5 minuti: dovreste ottenere un composto ben montato. 

Quindi aggiungete la farina setacciata con il lievito in polvere e impastate, fino a ottenere la pasta frolla: dovrà risultare abbastanza malleabile e non troppo dura, in modo da poterla infilare in un sac à poche. Se la pasta vi sembra troppo dura da passare attraverso il beccuccio, potete aggiungere un cucchiaio di latte e mescolare fino a ottenere una consistenza più morbida. 

Trasferite l’impasto in un sac à poche con il beccuccio a "stella" o a "fiore" e preparate i biscotti su una teglia coperta da carta da forno; con il dito, realizzate una piccola cavità al centro di ogni biscotto. 

Potete farcire il centro di ogni biscotto con un cucchiaino di marmellata, caramello o latte condensato; io di solito utilizzo marmellata di albicocche: riempio la cavità per metà e il resto del ripieno lo aggiungo dopo la cottura.

Cuocete i biscotti in forno a 220°C per 10-12 minuti, fino a quando i bordi otterranno un colore dorato; fate attenzione a non seccarli troppo. 

Finché i kurabiye sono ancora caldi, riempite le cavità con il resto della marmellata e lasciateli raffreddare completamente. Priyatnogo appetita!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie