I sapori dell’Ossezia a tavola: la zuppa lyvzha

Per cucinare questo piatto tipico della tradizione osseta non servono particolari ingredienti, ma un rametto di timo conferirà alla vostra zuppa l’autentico profumo del Caucaso

L’Ossezia è una bellissima repubblica montuosa nel sud della Russia. La mancanza di terreni fertili per l’agricoltura è compensata dalla vastità dei prati, adibiti a pascoli, che danno origine a gustose carni.

La dieta vegetariana in Ossezia non è molto popolare e la maggior parte delle ricette prevede l’utilizzo di carne.

Tra i piatti tipici della tradizione locale spicca la zuppa lyvzha, gustosa e facile da cucinare. Non richiede ingredienti particolari, ma se desiderate conferirle il gusto originale di come viene servita in Ossezia, procuratevi del timo selvatico (serpillo), che darà al piatto un profumo e un sapore particolari.

Ingredienti:

  • 600-700 gr di carne di manzo
  • 5 patate
  • 1-2 cipolle
  • 3 spicchi d’aglio
  • 2 carote
  • Olio (o burro) per friggere
  • Prezzemolo fresco e/o aneto
  • Sale e pepe in grani a piacere
  • Timo

Preparazione:

1 Tagliate la carne di manzo a cubetti, sistematela in una pentola con acqua fredda e portate a ebollizione. Lasciate cucinare per un’ora circa togliendo regolarmente la schiuma che si formerà

2 Finché il brodo si cucina, preparate le verdure. Sbucciate e tritate le cipolle, e sofriggetele in padella con un cucchiaio di olio

3 Tagliate le carote a pezzetti (se preferite, potete grattugiarle)

4 Tagliate a pezzi le patate

5 A questo punto aggiungete al brodo di carne la cipolla, le carote e il pepe in grani. Lessate per 10 minuti. Quindi aggiungete il sale, l’aglio schiacciato, l’aneto e il prezzemolo tritati e il timo

6 Lasciate bollire per altri 15-20 minuti e la vostra zuppa lyvzha sarà pronta! Servitela calda con un cucchiaio di panna acida

Priyatnogo appetita!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie