Il Mondo è un Teatro, Pogedaieff in mostra a Bologna

L'esposizione resterà aperta al pubblico dal 31 maggio al 15 settembre 2016

Gli spazi dell’Art Hotel dei Commercianti (Via de’ Pignattari, 11, Bologna) ospiteranno una mostra personale dell’artista russo Georges A. De Pogedaieff, che resterà aperta al pubblico dal 31 maggio al 15 settembre 2016.

La retrospettiva di opere pittoriche è dedicata all’artista russo, conosciuto in ambito internazionale grazie alle celebri scenografie e costumi per teatri in tutta Europa. Nato alla fine dell’Ottocento, viene avviato, per le sue nobili origini, alla carriera militare. Durante la prima Guerra Mondiale, dopo avere ricevuto una ferita quasi mortale, decide di cambiare vita e dedicarsi alla carriera artistica.

Da Mosca si trasferisce  a San Pietroburgo per completare la sua formazione presso l’Accademia d’Arte.

Negli anni Venti inizia a disegnare scenografie e costumi per i balletti russi, prima di iniziare a viaggiare per l’Europa, collaborando con i più grandi teatri.

Alla fine degli anni Trenta prende le distanze dal mondo del teatro e si dedica alla pittura di paesaggi, ritratti, nature morte e all’illustrazione. In particolare concentra la sua produzione sull’illustrazione dei capolavori della letteratura russa, restando a Parigi, per la durata del secondo conflitto mondiale. Muore a Parigi, nel 1977. Le sue opere si trovano in numerose collezioni private in Russia e in Europa e in musei a Berlino e Parigi.  

In esposizione a Bologna, per la prima volta una retrospettiva di tutta le sua vita artistica, dai bozzetti teatrali degli anni ’20 e ’30 fino agli intensi oli su tela degli anni ’60. 

L’allestimento della personale dell’artista déco presso Art Hotel Commercianti è stato possibile grazie alla collaborazione con la Galleria internazionale Art Dynasty, Ospitalità a Bologna, la rivista Avrvm, l’Associazione Culturale Russia - Emilia Romagna e con il Patrocinio del Consolato Onorario della Federazione Russa in Bologna.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta