Una serata di poesie al Centro Russo di Roma

L'11 novembre 2015, in occasione della Giornata dell’Unità Popolare, il Centro Russo di Scienza e Cultura ospiterà giovani poeti e scrittori russi. Per l'occasione si terrà anche un concorso sulla migliore traduzione in lingua italiana delle opere presentate

L’11 novembre 2015 alle 19 il Centro Russo di Scienza e Cultura di Roma ospiterà una serata poetica in occasione della Giornata dell’Unità Popolare. La serata vedrà come protagonisti giovani poeti e scrittori russi residenti in Italia.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con l’almanacco letterario della diaspora russa nel mondo “Pod nebom edinym” (Finlandia). Giunta alla sua terza edizione, anche quest’anno la manifestazione si svolgerà presso la Casa Russa.

Ospite speciale di questa edizione sarà la scrittrice Elena Lapina-Balk (Helsinki), fondatrice e caporedattrice dell’almanacco. L’ideatrice della collana parlerà della storia di questo progetto letterario e della sua importanza per i giovani poeti e scrittori russi residenti in Italia e all'estero. Interverrà inoltre Daniil Chkonia (Colonia), poeta, traduttore e direttore della rivista letteraria “Note dall'estero” (2005-2013), vincitore del Premio V. Sirin (Nabokov) 2015.

Nel corso della serata i giovani poeti e scrittori, tra cui Alexei Maksimov, Alla Rodina, Natasha Pejsonen, Anna Tumanova, presenteranno agli ospiti del Centro le proprie opere pubblicate nell’ultimo numero dell’almanacco.

L’iniziativa prevede anche un concorso sulla migliore traduzione in lingua italiana delle opere presentate. La gara sarà aperta a tutti gli studenti di lingua russa delle università romane.

La giuria del concorso verrà composta dal direttore del Centro Russo Oleg Ossipov, dalla professoressa dell’Università degli Studi di Firenze Irina Dvizova, dalla professoressa dell’Università “Roma Tre” Valentina Benigni. A presiedere la giuria quest'anno è la professoressa dell’Università “La Sapienza” Claudia Scandura.

Per maggiori informazioni, cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta