A teatro "Matrimonio" gogoliano in due lingue

Lo spettacolo, portato in scena a Roma dalla compagnia Anime Vive, si svolgerà in russo e in italiano, il 14, 16 e 18 ottobre 2015

L'ozioso scapolo Podkolësin è alla ricerca di una moglie. Nel frattempo conduce una vita disordinata con il suo povero servitore Stepan. Una donna che organizza matrimoni, Fëkla Ivanovna, arriva per descrivergli la ragazza che ha scelto per lui. Inizia così lo spettacolo della compagnia Anime Vive, che il 14, 16 e 18 ottobre 2015 porta in scena al Teatro Anfitrione di Roma lo spettacolo in due lingue, italiano e russo, “Matrimonio” di Nikolaj Gogol.

Per la regia di Natalia Florenskaia, lo spettacolo racconta la storia di quest’uomo, interessato principalmente alla dote e allo status sociale che riceverà dal matrimonio con questa ragazza. Fëkla gli consiglia di non andare troppo per il sottile, considerata la sua condizione attuale. Inaspettatamente irrompe Kočkarëv, il miglior amico di Podkolësin, che accusa arrabbiato Fëkla di avergli fatto sposare una donna molesta e autoritaria, pertanto la scaccia e decide di occuparsi lui del matrimonio dell'amico. Declama un'immagine idealizzata della vita coniugale, e vuol subito far conoscere una ragazza all'amico riluttante. Ne nasce un litigio tra i due, che termina con Kočkarëv che letteralmente spinge Podkolësin fuori di casa.

Sul palco reciteranno Angela Agresta, Vittorio Aparo, Aleksej Beresenchuk, Antonello Caputo, Polina Gracheva, Alexandr Kornelyuk, Marco Mancini, Igor Olenev e Ekaterina Pavlovich. Per vedere la locandina dello spettacolo cliccare qui

Per maggior informazioni: 
www.teatroanfitrione.it

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta