A Sochi per gli investimenti del futuro

Dal 18 al 21 settembre 2014 nel Parco Olimpico di Sochi si svolgerà il Forum internazionale per gli investimenti, che negli ultimi anni si è guadagnato lo status di evento principale per la promozione degli investimenti nella Federazione Russa

Dal 18 al 21 settembre si terrà nel Parco Olimpico di Sochi il Forum internazionale per gli investimenti "Sochi-2014". In questi anni il Forum "Sochi-2014" sì è guadagnato lo status di evento principale per la promozione degli investimenti in Russia, occupando un posto preminente nell’ambito del business globale. Ogni anno il Forum ospita leader di paesi stranieri, ambasciatori, rappresentanti di missioni diplomatiche, dirigenti delle più importanti compagnie russe, esperti, analisti e rappresentanti dei mass media internazionali.

Il Forum costituisce una piattaforma unica per lo sviluppo di un dialogo costruttivo tra autorità e imprese. È stato istituito più di 10 anni fa con il supporto del Governo della Federazione Russa allo scopo di favorire il dialogo sulle prospettive dell'economia mondiale, il futuro degli investimenti e dell'innovazione nel nostro paese e anche per dare spazio alla presentazione di progetti di investimento su larga scala delle varie regioni della Russia.

Quest'anno, la sede del Forum Internazionale degli Investimenti "Sochi-2014" sarà il Media Center Principale. I partecipanti avranno un'opportunità unica per discutere delle potenzialità di investimento in una delle strutture più uniche del Parco Olimpico. Il Media Center ha tutti i vantaggi di un centro espositivo di alto livello internazionale.

Il programma del forum prevede anche due riunioni generali: "Russia tra Europa e Asia: la nuova politica regionale nel mondo contemporaneo" e "Il clima di investimento nelle regioni: come garantire una politica di sviluppo con risorse limitate?"

Il Forum "Sochi-2014" ha al suo interno anche un vario programma culturale. Come da tradizione, oltre a un concerto, si svolgerà anche il Festival "Vini del Kuban”. 

Per maggiori informazioni cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta