I regali della Mezzanotte

I russi si scambiano i doni nella notte di Capodanno (Foto: Gettyimages/Photobank)

I russi si scambiano i doni nella notte di Capodanno (Foto: Gettyimages/Photobank)

In Russia lo scambio dei doni avviene a Capodanno: spumante e cioccolatini per gli adulti, caramelle per i bambini, quando non si hanno idee. Per tutti gli altri...

Cos'è più memorabile a Capodanno per i russi: la gioia di ricevere regali o il fastidio di acquistarli? Bisogna comprare doni per tutti, familiari, amici, colleghi, il capo. Il più grande mal di testa dell'anno arriva cercando di trovare qualcosa per tutti, il regalo più adatto. Per semplificare il rito biognerebbe elaborare una rigida gerarchia di Capodanno e mettere le persone in ordine di priorità.

Una volta fatto questo, è molto più semplice capire cosa donare a tutti. Nella parte superiore della lista, di solito, ci sono le persone più vicine, il marito, la moglie, i figli. I coniugi tendono a offrire regali utili per le faccende domestiche: un set di pentole e padelle, una sega elettrica, o anche qualcosa relativo agli hobby, come una racchetta da tennis o attrezzi da caccia.

I bambini di solito scelgono loro i propri regali. La cosa principale per mamma e papà è intercettare la letterina dei propri figli per Ded Moroz, il Babbo Natale russo. Dopo aver aperto la lettera, arriva il momento della suspence per i genitori: i bambini potrebbero volere quasi tutto - da uno skateboard ad una pista per le macchinine che riempie metà casa - ma in realtà, riceveranno ciò che i loro genitori potranno permettersi. In ogni caso, l'unica cosa che ricevono senza dubbio saranno cioccolatini o dolci.

Successivamente, i lavoratori devono occuparsi del regalo per il loro capo. Diplomazia è la parola d'ordine. Andare sopra le righe potrebbe evocare accuse di adulazione. Molto spesso a lavoro ci si riunisce in gruppi di dipendenti per acquistare il dono al boss: una statuetta per la scrivania o una foto per la parete dell'ufficio o prodotti di cancelleria di fascia alta. Regali simili possono essere acquistati per i partner commerciali, avendo cura, naturalmente, di fare in modo che il mittente sia chiaro. Questo assicura che il destinatario abbia un ricordo permanente di chi lo ha mandato e al quale lui o lei deve un favore.

I colleghi di lavoro sono alla base della lista e spesso ricevono il più noioso dei doni, l'immagine del simbolo cinese dell'anno, o ancora dolci, una tazza souvenir e così via. La gamma di prodotti disponibili nei negozi di tutto a pochi rubli rende lo shopping più semplice. Eppure, anche in questo settore, le situazioni non sono sempre idialliache. Per esempio quando qualcuno fa un regalo a un collega, senza ricevere nulla in cambio, perché non figura nella lista dell'Anno Nuovo. Il disagio causato da una tale situazione può durare fino al successivo anno nuovo. A quel punto, chi non ricambia viene cancellato dalla lista, anche se cercasse di rimediare al successivo Capodanno la mancanza dell'anno prima. In questo modo si crea un nuovo disagio, ma in senso contrario.

"In generale, la gente sta comprando tazze regalo, statuette e piccoli serpenti come magneti per il frigo. I peluche vanno forte e abbiamo avuto un cliente che ha acquistato una spada del cavaliere per 200 euro", racconta Natalya, commessa in un negozio di souvenir.

Anche se i regali del nuovo anno appaiono nei negozi mesi prima della festa in sé, il grosso degli acquisti si registra solo alla fine di dicembre. Sembra che la gente preferisca i doni dell'ultimo minuto.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta