Halloween alla russa

Foto: Prokhor Kolosov

Foto: Prokhor Kolosov

Una festività considerata ancora piuttosto esotica e ambigua nel Paese, amata dai giovani e contrastata dalla Chiesa ortodossa

Feste di Halloween a Mosca nel 2011 (Foto: Prokhor Kolosov)  

Popolarissimo negli Stati Uniti, Halloween rimane una festività piuttosto esotica e ambigua in Russia. I giovani russi sarebbero più felici di sostituire i festeggiamenti di Ognissanti con quelli della ricorrenza anglosassone, ma la Chiesa ortodossa continua a storcere il naso.

Secondo i sociologi del Centro Levada, i russi sanno che cosa sia Halloween, ma non sono ancora pronti a festeggiarlo in maniera collettiva. In Russia, quattro persone su cinque sanno che il 31 ottobre è la data della “spaventosa” festa che precede Ognissanti, ma solo una persona su venti ha in progetto di festeggiarla.

Daria, una studentessa all'Università Statale di Mosca, è una dei pochi giovani in Russia ad aver adottato, come propria, questa festa di origine anglosassone. “Ogni anno andiamo in una discoteca o a una festa di Halloween, o ne organizziamo una in maschera direttamente a casa nostra. Oltre ai costumi e alle zucche, non possono mancare i film dell’orrore, la musica ambient inquietante e storie spaventose”.

Gli stranieri in Russia reagiscono all’Halloween russo con un certo scetticismo e notano l'atteggiamento superficiale riservato alle tradizioni di Ognissanti. “In Russia, Halloween è una festa solo per i giovani che non rispettano le tradizioni: è solo una scusa per indossare un costume", si lamenta Ashley, originario del Canada, che vive a Mosca da diversi anni.

Eppure, questo approccio va più che bene ai proprietari dei negozi di costumi e dei locali serali.  “È la festa più colorata e divertente dell’anno. Nella notte di Halloween, registriamo sempre il tutto esaurito e regna un’atmosfera positiva. Solo Capodanno è in grado di competere”, afferma Alexander, il proprietario di una discoteca a Mosca.

Man mano che la ricorrenza si avvicina, l’eccitazione nell’aria si fa più palpitante, soprattutto per quanto riguarda la scelta del costume; anche se, alla fine, la maggior parte degli accessori viene acquistata sempre all’ultimo momento. “Ogni anno, la gente va direttamente dal negozio a una festa nella loro nuova veste”, sorride Tatiana, proprietaria di un negozio di costumi a Mosca, che vende vestiti di Halloween da ormai sei anni. Anno dopo anno, i costumi più venduti sono: zombie, Dracula, infermiere nere, pirati, marinai, streghe, demoni, personaggi delle favole, vampiri, e i cattivi dei film horror.

“Le persone più creative preferiscono i vestiti fatti a mano e in negozio si limitano a comprare solo gli accessori come maschere, corna, orecchie, parrucche, bende per gli occhi, sciabole, spade, denti da vampiro, e così via”, osserva Tatiana.

Fonte: Gaia Russo

Infografica realizzata da Gaia Russo

Malgrado la sua natura apparentemente innocua, la Chiesa ortodossa si oppone a questo “carnevale malefico”.  “Dietro a tutta questa mascherata di Halloween, si cela, ovviamente, la solitudine dell'uomo moderno in un mondo laico, la sua desolazione spirituale, forse anche la ricerca di un luogo che egli possa sentire come proprio, nonché un certo grado di barbarie spirituale”, dichiara il sacerdote Georgi Zavershinsky, responsabile del servizio di comunicazione del Dipartimento per le relazioni esterne della Chiesa ortodossa, citato da Interfax-Religion. “In nessun modo, la Chiesa considera Halloween una festività religiosa e non ritiene possibile che i fedeli possano adottare le sue tradizioni, vista la loro incompatibilità e inidoneità con la cultura russa”, prosegue padre Georgi.

Il sacerdote è convinto che la tradizione occidentale di Halloween sia ancora estranea alla “cultura ortodossa e a quella russa in generale”. Da questo punto di vista, la Chiesa ortodossa russa non è molto interessata all’esperienza e all'atteggiamento dei suoi colleghi cattolici e protestanti. “Anche l'atteggiamento del Vaticano nei confronti di questa festa è, se non positivo, perlomeno neutro e calmo. Ma Halloween in Russia provoca una reazione piuttosto negativa da parte della Chiesa ortodossa”, dichiara Ivar Maksutov, direttore della Società degli Studi Religiosi di Mosca, in un'intervista con russia.ru.

“Secondo le nostre tradizioni, la ricorrenza di Ognissanti non ha mai assunto la forma di un carnevale. I carnevali sono generalmente un fenomeno piuttosto raro nella cultura russa, e la ragione non è del tutto chiara. Quindi tutti questi travestimenti e maschere hanno un carattere essenzialmente teatrale ed esagerato e non hanno, alla base, delle radici culturali. La Chiesa ortodossa ha sempre mantenuto un atteggiamento conservatore nei confronti di questi fenomeni. Una reazione negativa è abbastanza comprensibile, soprattutto quando l'occasione si tinge di un certo tono confessionale che cerca di emulare l’ambiente religioso”, conclude Ivar Maksutov. 

È interessante notare come alcuni funzionari regionali si siano spinti ancora oltre e abbiano astutamente vietato Halloween, perlomeno nelle scuole. “Halloween contiene motivi religiosi (il culto, la personificazione, e persino la derisione della morte, gli spiriti maligni, ecc.) che contraddicono la natura secolare dell’istruzione, fatto che può danneggiare la salute mentale e morale degli alunni”, ha dichiarato il Ministero dell'Istruzione della Carelia in una lettera (trapelata online) indirizzata ai capi delle autorità locali responsabili dell'istruzione. Fortunatamente, per gli amanti delle feste in maschera, l'iniziativa non ha preso piede, nemmeno all'interno della regione.

Un altro motivo per cui, forse, i giovani russi non sono del tutto in linea con le tradizioni della festività anglosassone è il fatto che non tutti si vestono da forze oscure o spiriti maligni. Vladimir, che possiede un grande negozio online di costumi di carnevale, osserva come, alla fine di ottobre, la gente sia felice di indossare costumi d'epoca o abiti tradizionali di altri Paesi. “Vichinghi, principesse indiane, star di Bollywood, costumi di Giuseppina Bonaparte e Cleopatra, faraoni, geishe, pellirossa, cowboy, e guerrieri greci sono i più richiesti”, afferma Vladimir, descrivendo le preferenze dei suoi clienti.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta