Il futuro dopo l'Unione Eurasiatica

Un convegno per analizzare gli scenari all'indomani dell'accordo tra Russia, Bielorussia e Kazakhstan. L'incontro si terrà il 19 settembre 2012 a Roma

Il futuro dopo l'Unione Eurasiatica. Il 19 settembre 2012, dalle 9 alle 18, la Sala delle Colonne di Palazzo Marini, nella Camera dei Deputati a Roma, ospita il convegno dedicato alle prospettive che si aprono con l'accordo tra Russia, Kazakhstan e Bielorussia. "L'Unione Eurasiatica: una nuova realtà dell'Est. Sfida od opportunità per l'Europa?". Questo il titolo dell'incontro, organizzato dall'Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (Isag) e patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero dello Sviluppo Economico, con il sostegno dell'associazione "Conoscere Eurasia".

I lavori verranno aperti da Sergei Sidorskij, ministro per l'Agricoltura della Commissione Economica Eurasiatica, cui farà seguito l'intervento degli Ambasciatori di Russia, Bielorussia e Kazakhstan in Italia.


La giornata proseguirà poi con Mauro Conciatori del Ministero Affari Esteri, capo dell'Unità per la Federazione Russa, i Paesi dell'Europa Orientale, del Caucaso e dell'Asia Centrale.  

Al convegno interverranno inoltre Paola Brunetti (Ministero Sviluppo Economico, Politiche per l'Internazionalizzazione e la Promozione Scambi); Armen Oganesjan, direttore di Mezhdunarodnaja Zhizn, rivista del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa;  Piercarlo Valtorta, Presidente Istrid; Tiberio Graziani, Presidente Isag. 

L'evento è organizzato dall'Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (Isag), con i patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero dello Sviluppo Economico e con il sostegno dell'associazione "Conoscere Eurasia". 

Per partecipare è necessario mandare una mail all'indirizzo eventi@istituto-geopolitica.eu.

Per maggiori informazioni:

Sala delle Colonne di Palazzo Marini

Camera dei Deputati

via Poli, 19 - Roma

E-mail: eventi@istituto-geopolitica.eu.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta