Syrniki con cascata di ciliegie

I syrniki vengono serviti caldi e croccanti. Nel caso non si disponga del tvorog, il tipico formaggio russo, utilizzare la ricotta (Foto: Lori/Legionmedia)

I syrniki vengono serviti caldi e croccanti. Nel caso non si disponga del tvorog, il tipico formaggio russo, utilizzare la ricotta (Foto: Lori/Legionmedia)

Le tradizionali frittelle russe a base di tvorog, accompagnate da miele o marmellate, per una gustosa colazione

Se fate una passeggiata per Mosca durante la bella stagione, è molto probabile che ritorniate a casa con un chilo di ciliegie! Sono praticamente ovunque, accatastate sulle bancarelle del mercato, mentre brillano al sole, rosse scarlatte, ed è quasi impossibile resistervi! È quel periodo dell’anno in cui trovo i loro noccioli e gambi per tutta la casa: tra i cuscini del divano, sotto il letto di mia figlia, o mentre intasano lo scolo del lavandino. Quando arriva l’estate, non mi preoccupo più tanto di che cosa servire per dessert: è sufficiente piazzare sul tavolo una bel piatto di ciliegie appena lavate, e il gioco è fatto!

Quest’anno, mi sono fatta come regalo uno snocciolatore. Questo piccolo e pratico marchingegno consente di liberarsi dell’unica scocciatura che ti trovi davanti quando hai a che fare con le ciliegie: nel giro di un istante, ti permette di estrarre la polpa dal nocciolo e, se lo fai sopra una bacinella, di raccogliere il loro delizioso succo! Èun utensile fantastico che va ad arricchire il mio arsenale di aggeggi esoterici da cucina e che dopo la sua comparsa stagionale, viene rimesso nel cassetto per altri dieci mesi.

Per giustificarne l’acquisto, mi sono imposta la sfida culinaria di provare almeno cinque ricette a base di ciliegie. Mi sono messa subito a sfogliare una serie di libri di cucina, di varie regioni, per farmi venire qualche idea sfiziosa. I risultati sono stati diversi. Ho messo alcune ciliegie sotto brandy e dovrò aspettare novembre per vedere come sono venute. Ho provato a fare una zuppa fredda di ciliegie che onestamente aveva un sapore così terribile che ho dovuto gettarla nella spazzatura assieme ai noccioli.

Ho distillato della vodka con delle ciliegie appena raccolte e il risultato è stato davvero delizioso e, infine, ho sfornato una classica crostata americana di ciliegie davvero superba. Poi, siccome mi era avanzato del ripieno e non volevo assolutamente che venisse sprecato, mi sono messa a frugare nel frigorifero alla ricerca di un’idea e ho deciso di preparare un po’ di syrniki da servire pigramente la domenica a colazione: la base perfetta per il ripieno di ciliegie avanzato dalla crostata.

I syrniki, dal termine russo “syr” che significa formaggio, sono delle frittelle a base di “tvorog”, un formaggio russo simile alla ricotta. A metà tra un pancake e una cheesecake (rispetto ai quali, però, sono meno solidi). I syrniki rappresentano un piatto sfizioso da gustare al mattino a colazione. Li ho scoperti per la prima volta negli anni Novanta mentre facevo la guida turistica a Suzdal in Russia, dove venivano serviti caldi e croccanti, accompagnati da miele e marmellate di frutta. Se non avete a portata di mano dell’autentico tvorog russo, potete sostituirlo con della ricotta, che ha una consistenza simile. 

Ingredienti: 

500 grammi di tvorog (sostituitelo tranquillamente con della ricotta nel caso non ce lo abbiate)

1 uovo intero e 1 tuorlo da sbattere assieme fino a ottenere un composto soffice

60 ml (1/4 di tazza) di farina divisa in due parti uguali

30 ml (2 cucchiai) di zucchero semolato

1 cucchiaino di noce moscata

mezzo cucchiaino di sale

30 ml (2 cucchiai) di zucchero a velo

60 ml (1/4 di tazza) di olio di colza o di un altro tipo di olio vegetale per friggere

Preparazione:

1. Preriscaldate il forno a 180°C

2. Mettete in una grande terrina il tvorog, l’uovo, il tuorlo, la noce moscata, lo zucchero, il sale e metà della farina, dopodiché, utilizzando una spatola o il retro di un cucchiaio di legno mescolate per bene gli ingredienti fino a ottenere un composto omogeneo. L’impasto deve essere leggermente elastico e non deve avere grumi

    3. Versate la farina restante su una superficie pulita di legno o pietra e adagiate un foglio di cera o di carta da forno su una teglia

    4. Create con l’impasto delle sfere delle dimensioni di una pallina da golf, dopodiché appiattitele fino a formare dei dischi di circa 1-1/2 centimetro di spessore.  Passate rapidamente i due lati di ciascun disco nella farina e disponeteli nella teglia

    5. Scaldate l’olio in una padella antiaderente a fuoco medio. Friggete le frittelle per tre minuti su ciascun lato, finché non diventano dorate e croccanti. Riposizionate le frittelle nella teglia e cuocetele per cinque minuti nel forno preriscaldato

    6. Disponete i syrniki su un piatto da portata riscaldato e spolverateci sopra lo zucchero a velo. Serviteli con la guarnizione che più preferite! 

    Guarnizione a base di ciliegie:


    Ingredienti:

    500 grammi di ciliegie mature, snocciolate, con il loro succo

    2 cucchiaini di succo di limone appena spremuto

    ¼ di cucchiaino di chiodi di garofano tritati

    30 ml (2 cucchiai) di amido di mais

    125 ml (1 tazza) di zucchero

    30 ml (2 cucchiai) di brandy o kirsch (facoltativo)

    Preparazione:

    1. Dividete le ciliegie e il loro succo in due parti uguali

    2. Con uno schiacciapatate o il retro di un cucchiaio di legno grande spremete metà delle ciliegie con l’aggiunta di zucchero e spezie

    3. Versate le ciliegie spremute assieme allo zucchero e all’amido di mais in un tegame e scaldate il tutto a fuoco medio finché il composto non inizia a bollire. Abbassate la fiamma; aggiungete i chiodi di garofano e il succo di limone. Cuocete a fuoco lento, continuando a mescolare per 7-8 minuti

    4. Togliete il tegame dal fuoco e mescolate assieme alle altre ciliegie e il kirsch. Lasciate raffreddare

    5. Conservate il composto in un contenitore a tenuta d’aria per tre giorni, oppure usatelo subito come guarnizione o ripieno per una crostata

    Buon appetito!

    Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta