Emergenza incendi

La Siberia continua a bruciare e da Tomsk, una delle zone più colpite, il primo ministro russo Dmitri Medvedev annuncia di voler istituire la responsabilità personale

Anche nella regione di Krasnoyarsk si lavora per domare le fiamme (Video tratto da Ria Novosti)

Mentre la Siberia continua a bruciare, il primo ministro russo Dmitri Medvedev ha chiesto che venga istituita la “responsabilità personale” per gli incendi boschivi che in questo periodo stanno devastando ampie aree della Russia.

Durante una conferenza stampa che si è tenuta a Tomsk, tra le aree della Siberia occidentale più colpite, che ha chiesto lo stato di emergenza, Medvedev si è pronunciato a favore di questo nuovo provvedimento.

“Dobbiamo intervenire tempestivamente per evitare i disastri che si sono verificati nel 2010”, ha aggiunto il primo ministro.

Nel frattempo Greenpeace non esclude che le fiamme possano rivelarsi ancora più potenti rispetto a quelle che due anni fa hanno colpito diverse regioni, mettendo in ginocchio anche Mosca.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta