12 Giugno, la festa più importante

Bambina su un carro armato in Piazza Rossa nell’agosto del 1991 (Foto: Corbis/Fotosa)

Bambina su un carro armato in Piazza Rossa nell’agosto del 1991 (Foto: Corbis/Fotosa)

Il ricordo di quelle ore del 1990 che scrissero nella storia il passaggio a una nuova vita dopo la caduta dell'Unione Sovietica e che divennero "Giorno della Russia" nel 1992

Ricordo perfettamente quel giorno. Il 12 giugno 1990, sotto la presidenza di Boris Eltsin, il Soviet Supremo della Repubblica Socialista Federativa Sovietica di Russia (Rsfsr), la più grande delle 15 che componevano l'Urss, adottò un documento che sarebbe stato assegnato un ruolo chiave. Da quel momento, ma oggi quasi nessuno ne parla.

Il documento intitolato "Dichiarazione di sovranità dello Stato della Repubblica Socialista Federativa Sovietica di Russia" proclamò la Russia come uno Stato democratico in base al principio della separazione dei poteri. Tale documento afferma l'intenzione della Russia di essere un membro sovietico "riformato". La data è stata dichiarata festa nazionale (e quindi giorno non lavorativo) nel 1992, quando l'Urss aveva cessato di esistere e Boris Eltsin era Presidente della Federazione Russa.

Si tratta della festa nazionale più importante, in quanto commemora la fondazione del moderno Stato democratico russo. Inoltre, è accompagnata da una celebrazione sontuosa al Cremlino. Tuttavia, il cittadino medio russo è indifferente o addirittura apertamente ostile, come è il caso di molti anziani.

Con un tocco di ironia, molti ancora la chiamano Giorno dell’Indipendenza e di solito aggiungono con una smorfia amara, "Indipendenza? Da chi?”.

Ritratto di Boris Eltsin durante una manifestazione dopo il colpo di Stato dell’agosto 1991 (Foto: Afp/Eastnews)

Per i popoli dell'Europa centrale e orientale, liberarsi del comunismo significava, soprattutto, sbarazzarsi dell’occupazione straniera. Anche quei Paesi come la Romania e la Bulgaria, i cui territori non sono stati occupati dalle truppe sovietiche nel 1989, potrebbe sostenere, giustamente, che i loro problemi erano la logica conseguenza degli accordi di Yalta firmati da Stalin, Roosevelt e Churchill nel 1945, che hanno causato perdita di libertà.

Ma per i russi era diverso. Quando ho esaminato gli eventi che si sono verificati tra il 1989 e il 1991 non cessai di stupirmi che tutto era stato possibile grazie a un gruppo relativamente piccolo di persone. Coloro che hanno rovesciato il regime comunista erano diverse centinaia di migliaia di persone a Mosca e San Pietroburgo (nel 1991 c’era il suo nome storico), i popoli baltici e alcuni scontenti nazionalisti georgiani.

Il sistema era già stato fortemente indebolito dalla inefficienza economica ed era stato minato da circostanze esterne, come la guerra in Afghanistan. Eppure, la velocità e la relativa pace con la quale lo Stato sovietico si disintegrò (almeno rispetto al mare di sangue che correva in Jugoslavia) sono stati quasi un miracolo.

L'altra faccia della medaglia è che i russi non erano preparati per la perdita di ciò che, bene o male, consideravano il “loro” Paese. Mentre inglesi e francesi sono riusciti a lasciare le loro colonie e cercare di cancellare dalla memoria l'esistenza di India e Mali (anche se fu molto difficile), i russi non potevano fare lo stesso. L'Urss fu l'ultimo grande impero territoriale a scomparire. Infatti, le ex colonie non sono andate da un’altra parte e alcuni li considerano confini artificiali.

La nostalgia imperiale è stata aggravata da eventi interni. Dopo un breve periodo all'inizio degli anni  Novanta, in cui intellettuali della perestrojka hanno svolto un ruolo di primo piano nel governo Eltsin, la burocrazia dell'era sovietica è tornata al potere e l'avidità agiva sotto la bandiera del capitalismo.

Recentemente ho partecipato ad un seminario di Scienze politiche a Krasnodar, una delle città più prospere della Russia, situata a Sud del Paese. Un folto gruppo di giovani, tra i 20 ei 25 anni, insisteva sulla necessità di "preservare il meglio dell'eredità sovietica". Ma quando è stato chiesto che cosa esattamente doveva essere mantenuto, non sapevano rispondere.

Alcuni hanno cominciato a parlare del collettivismo, che era in contrasto con il consumismo e l'individualismo dell'epoca moderna, ma quando ho chiesto se essi convenivano sul fatto che il prezzo di collettivismo erano la guerra civile, il gulag e la mancanza permanente dei diritti e delle libertà fondamentali, questi giovani professionisti sono rimasti senza parole.

Per me, era la migliore prova di come la classe politica russa non fosse riuscita nel compito fondamentale di ridefinire l'identità nazionale in un ambiente moderno, positivo e lungimirante. Questa situazione deve cambiare. Dopo il seminario, gli studenti continuavano a porre domande sulla recente ondata di manifestazioni a Mosca e il futuro dell’attuale sistema politico a cui sono abituati. Sentivano di aver bisogno di un cambiamento, ma non so se e come può essere raggiunto. 

L'autore è un commentatore per Kommersant Fm ed è l'ex capo dell'ufficio della "Bbc" a Mosca

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta