Eurovision, il trionfo delle nonne

Le Buranovskye Babushki, arzille over 65, hanno ottenuto il secondo posto nella 57esima edizione del festival con la canzone “Party for Everybody”. L'italiana Nina Zilli si accontenta della nona posizione

Avevano già fatto molto parlare di sé. E ora, dopo aver conquistato i favori del pubblico e della giuria, le Buranovskye Babushki, le Nonne di Buranovo, si godono il trionfo. Le arzille nonnette di Buranovo si sono infatti classificate al secondo posto nell’edizione 2012 dell’Eurovision svoltasi a Baku, in Azerbaijan.

Un successo arrivato con la canzone “Party for Everybody”, che ha ottenuto 259 punti, preceduta solo dalla performance “Euphoria” portata in scena dalla cantante svedese Loreen. Al terzo posto invece si è classificata la Serbia con "Nije Ljubav Stvar" di Zeljko Joksimovi. L’Italia, anch’essa in gara con la piacentina Nina Zilli, si è dovuta accontentare del nono posto.

Un successo, quello delle nonne di Buranovo, che ha fatto il giro del mondo, richiamando giornalisti da ogni Paese, accorsi per intervistare le simpatiche over 65, a proprio agio sul palco vestite con i tradizionali abiti della Repubblica di Udmurtia, loro terra natale. “Siamo contentissime del risultato", ha dichiarato una delle componenti del gruppo, Galina Koneva, ai giornalisti. Aggiungendo: "Non eravamo nervose, anche se c'era un po' di tensione quando sono arrivati i risultati della giuria".

Anche il Presidente Putin si è detto intenzionato a complimentarsi personalmente con loro. “Il Presidente vuole conoscere di persona le componenti del gruppo - si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa presidenziale e riportato dall’agenzia Ria Novosti -, e vuole incontrare gli abitanti di questa regione per capire meglio la loro terra e le loro tradizioni".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta