Il futuro del Superjet

Foto: Ria Novosti/ Alexej Kudenko

Foto: Ria Novosti/ Alexej Kudenko

Dopo l'incidente aereo di Giakarta, gli esperti si dividono sulle prospettive dell'industria aeronautica russa

Il velivolo più avanzato di Russia, il Sukhoi Superjet 100, si è schiantato in Indonesia e gli esperti si interrogano se l'incidente aereo possa annunciare il disastro per l'intero settore dell'aviazione russa o se il progetto Superjet sarà in grado di superare la cattiva pubblicità conseguente alla tragedia.


Una delle questioni principali che gli specialisti dell'aviazione si stanno chiedendo è come i sofisticati sistemi di elettronica e i migliori piloti alla guida non abbiano rivelato la montagna (dove l'aereo è precipitato, ndr). Il Superjet utilizza tutte le più recenti innovazioni di sicurezza globali, in particolare il sistema di prevenzione delle collisioni traffico (TCAS) e il sistema di allarme sulla consapevolezza del terreno (TAWS).

 
"Sistemi di allarme di terza e quarta generazione sono installati su tutti gli aerei moderni, compreso il Superjet", ha dichiarato Rafail Aptukov, presidente di Alleanza per la Sicurezza del Volo. "Essi sono progettati per avvisare il pilota di una potenziale collisione in tempo utile, in modo che possa evitarla". 

Gli esperti di aviazione si sono chiesti se i controllori locali hanno fatto del loro meglio. Alcuni piloti sostengono che sia in Indonesia sia nelle Filippine i controllori dicano "Approvato" in risposta a quasi ogni chiamata da parte dell'equipaggio. "Sono anche preoccupato per il fatto che ci siano stati sette incidenti aerei vicino a Giakarta nel corso dell'ultimo decennio", ha sottolineato Aptukov.

 
Finora, ci sono solo versioni non ufficiali di quello che è successo. Il rapporto ufficiale apparirà solo dopo che le autorità indonesiane, l'industria russa e il Ministero del Commercio (sostenuto dal Ministero degli Esteri), la commissione d'inchiesta di esperti dell'Interstate Aviation Committee (MAC) avranno completato la loro indagine. Ma non c'è data in cui è previsto il rilascio della relazione ufficiale, anche perché le squadre di salvataggio indonesiane hanno riferito che l'accesso al luogo dell'incidente è estremamente difficile. Nella migliore delle ipotesi, la versione ufficiale non sarà pronta per diversi mesi; nel peggiore dei casi, il mondo non può mai sapere cosa è realmente accaduto all'aereo.



Le leggi del business

A livello globale, il mercato dei velivoli a medio raggio è il più competitivo, e il Superjet era destinato a volteggiare al top del segmento. All'indomani del disastro, gli esperti dell'aviazione russa e i buyer stranieri allo stesso modo stanno rivalutano le prospettive dell'industria aeronautica russa.

 
L'inchiesta sul disastro è appena cominciata, quando l'indonesiana Kartika Airlines, specializzata nel trasporto aereo nazionale, ha detto che potrebbe rinviare sine die il suo ordine per 30 aerei Sukhoi. Kartika è stata la prima azienda nel Sud-Est asiatico ad acquistare il Superjet nel luglio 2010. Le prime consegne erano attese nel mese di settembre 2012. 


Sky Aviation, un altro vettore indonesiano aveva raggiunto un accordo per acquistare 12 Superjet, non ha ancora rilasciato commentati sullo stato del suo ordine, ma gli esperti sono certi che la sua risposta sarà identica a quella di Kartika. Ad oggi, sono in atto i contratti per la fornitura di 168 jet a vettori aerei russi e stranieri e ci sono contratti preliminari e accordi di intenti per acquistare circa 130 Superjet da parte di vettori in Spagna, Stati Uniti e Thailandia. Gli esperti sono divisi sulla possibilità che tali contratti saranno annullati o no. 

"La dichiarazione della società indonesiana sulla sospensione delle forniture illustra perfettamente  che non c'è niente di personale, solo business", ha commentato Ruslan Syroedov, che lavora per una società specializzata in operazioni di leasing. "Tu involontariamente presti attenzione alle possibili cause del disastro che sono state citate dopo l'incidente: guasto al motore, difetti nella navigazione e nei sistemi di controllo, mentre nulla è stato detto a proposito degli errori da parte di piloti o controllori. Questo è un chiaro segnale che saranno alla ricerca di nuovi sconti e concessioni da parte del fornitore, una situazione normale per il mercato, in particolare il mercato asiatico, dove si beneficia degli errori del business partner".

Boris Bychkov, direttore generale di Airclaims Cis, ritiene che a lungo termine, l'incidente non avrà troppo effetto sulle vendite. "Progetti d'affari di lunga durata sono poco colpiti da questi incidenti", ha riferito. "L'incidente non diventerà il fattore decisivo per gli acquirenti per risolvere i contratti. Un incidente durante i test di volo non è una ragione per seppellire il contratto. Nell'opinione pubblica può produrre un impatto, però, soprattutto se stiamo parlando di una società che gode del sostegno statale, i motivi politici possono interferire. Ma non posso escludere che i clienti potrebbe desiderare ulteriori sconti". 

I vettori aerei sono normalmente molto pragmatici. Se un aereo ha un certificato di omologazione, allora non c'è prova sufficiente che soddisfa tutti gli standard di sicurezza. Nel febbraio 2012, il Sukhoi Superjet 100 ha ricevuto il Type Certificate dalla European Aviation Safety Agency (EASA), il che significa che è conforme agli standard che tutti i produttori alternativi devono soddisfare.

Per le sue caratteristiche il Superjet (portata fino a 100 passeggeri e 4.500 chilometri di volo), secondo il Sukhoi Civil Aircraft, la maggior parte della domanda verrà dal Sud-Est asiatico. Le distanze sono enormi tra le isole della regione, il che significa che il Superjet russo sarà un'opzione benvenuta per i vettori locali. 

Il segretario Generale della Indonesian National Association Carrier Air (Inaca), Tengku Burhanuddin, ha già dichiarato che l'incidente non avrebbe inciso sulla domanda di questo modello. "Abbiamo bisogno di tali mezzi per collegare le nostre città", ha detto. I concorrenti di Sukhoi in questo segmento di mercato, la maggior parte dei quali ancora in fase di sviluppo, sono generalmente più costosi. Tra loro il brasiliano Embraer E-Jets, dal Canada il Bombardier CSeries; dalla Cina ARJ21, il russo An-148 e il giapponese Mitsubishi Regional Jet Tu-334. Il Sukhoi Superjet 100 è disponibile ad un prezzo medio di 35,4-36.200.000 dollari. Inoltre, di questi aerei, il Superjet è il primo che ha iniziato a volare, per cui è già noto agli acquirenti. "Inoltre è già in servizio commerciale", ha detto Bychkov. "Per quanto ne so, i cinesi hanno avuto pochi ordini finora, e la Bombardier e i modelli Mitsubishi non volano ancora".

L'incidente ha prodotto un impatto negativo sull'immagine del marchio, ancora molti specialisti sostengono che incidenti di questo tipo accaduto a molti produttori internazionali, che sono riusciti a uscirne a testa alta.

"Airbus ha avuto guai durante voli di prova", ha ricordato Bychkov. "L'A320 ha avuto un incidente, e ci sono stati problemi con l'A380. Boeing ha subito un incendio a bordo di un Boeing-787 durante le prove, prima che l'aereo venisse fornito al Giappone. I contratti sono rimasti in essere".

 
Ruslan Gusarov, a.d. di Avia.ru, tuttavia, pensa che Sukhoi possa avere motivo di preoccuparsi: "Pensiamo all'incidente del Tu-144 a Le Bourget. L'aereo non ha mai riacquistato la fiducia dei compratori stranieri. Quindi, l'incidente in Indonesia potrebbe offuscare l'immagine non solo del velivolo, ma anche dell'intero settore aereo del Paese. " Da parte sua, Sukhoi Civil Aircraft farà del suo meglio per portare a termine i contratti.

"Il marchio Sukhoi è famoso non solo per i suoi aeromobili civili, ma anche per i prodotti militari", ha detto Olga Kayukova, capo del servizio stampa United Aircraft Corporation. "Si tratta di una reputazione lunga 70 anni. Per quanto riguarda il marchio del Sukhoi Superjet 100, ha ottime prospettive e sarà in grado di trovare una solida base nel mercato". 

Allo stesso tempo, alcuni esperti leggono sintomi allarmanti nello schianto indonesiano: "Abbiamo scommesso tutto su un unico aereo nel corso dell'ultimo decennio, e tutte le nostre speranze restano nel Superjet", ha sottolineato Gusarov. "Abbiamo messo tutte le nostre uova nello stesso paniere e ora non può essere lasciato vuoto. Questa politica è piena di rischi per lo sviluppo dell'intera industria dell'aviazione civile russa". 

Questo articolo è stato pubblicato su Itogi

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta